Le contaminazioni di nonno Tony.

BLOGGER > Poteva andare peggio > Le contaminazioni di nonno Ton...

Mio padre, nonno Tony, è una persona veramente particolare. È stato sempre un distratto e un po’ nel suo mondo. Un grande lettore e appassionato di letteratura, incapace di realizzare qualcosa di pratico e manuale ma capace sempre di ridere di se stesso.
Ora, sarà l’età, sarà che è diventato un po’ sordo, facciamo che si è anche un po’ rincoglionito ne viene fuori un mix ancora più spassoso ed esilarante.
Quando andavo all’università e tornavo a casa per le feste, se capitava di prendere un the insieme a lui, mi chiedeva:- zucchero? Uno o due cucchiaini?
– Papà ma che dici ??
– ahhhhh scusa! Scusa!
Per Pasqua è venuto con mia madre a trovarci, per stare con la sua adorata nipotina.
Non è stato facile per lui accettare che anche la sua nipotina abbia il diabete. Ci metti pure la celiachia e, poverino, è andato un po’ in tilt. Troppe cose a cui pensare.
Il giorno di Pasqua mia madre era ai fornelli a fare un risotto per Amelia e una pasta col glutine per noi. Mio padre si aggirava per la cucina, come sempre, alla ricerca di qualcosa da fare, ma vagando in confusione nella folla di attrezzi da cucina di cui non conosceva alcun utilizzo, non riusciva a trovare una collocazione.
Allora, per darsi un ruolo, decise di fare il controllore della cottura della pasta, ogni minuto era lì a testare che fosse cotta. Prendeva il cucchiaio del riso di Amelia e lo ficcava nel brodo glutinoso della pasta. Mia madre, che per fortuna compensa le sue distrazioni, gli lasciava il cucchiaio oramai contaminato e ne prendeva un altro.
Dopo un minuto esatto tornava mio padre per assaggiare la pasta. Prendeva il cucchiaio del risotto di Amelia e pescava un fusillo. Mia madre, con la pazienza che solo le donne a un anno dalla pensione possono avere, prendeva l’ennesimo cucchiaio pulito e lo posava vicino al riso. Ma alla fine, all’ennesima incursione contaminante del nonno ed essendosi accorta di avere esaurito tutti i cucchiai puliti, sbotta clamorosamente : – Antò questo è il cucchiaio del riso di Amelia !!! – Ahhhhh, scusa, scusa, scusa !!
Mi ha fatto troppo sorridere questa cosa, ma allo stesso tempo mi ha fatto piacere notare che, solo con un po’ di attenzione, ci si può mettere a tavola, tutti, e senza problemi. Basta solo controllare che il nonno non contamini tutto!

 

©Riproduzione riservata


Vuoi parlare con le centinaia di amici che hanno già sperimentato le soluzioni proposte su DeeBee.it? Vuoi fare qualche domanda su un argomento specifico per conoscere le opinioni ed i suggerimenti di chi ci è già passato? Vuoi suggerire tu qualcosa dicendo la tua?
Non devi fare altro che iscriverti nel gruppo Nightscout Italia ed otterrai risposta ad ogni tua domanda!
Enjoy!