Tornei di tennis e glicemie

Riceviamo e pubblichiamo la domanda posta dalla mamma di un bimbo affetto da diabete di tipo 1, che chiede suggerimenti per la gestione durante i tornei di tennis.

Buongiorno,
Mio figlio di 11 anni ha la passione del tennis e durante l’ultimo anno si sono moltiplicati i tornei dove ha partecipato. Ho difficoltà a gestire i boli correttivi, complice anche la durata imprevedibile del match che dipende dall’andamento del punteggio. Cosa mi suggerisce?
La ringrazio.


LO SPORTIVO RISPONDE

Per le partite, diversamente dal solito allenamento, entra in gioco anche il fattore adrenalinico.
Il mio consiglio se si viaggia alto (sopra i 250-300) è quello di fare boli correttivi ma ridotti almeno del 50%.
Per quanto riguarda la basale, consiglio invece riduzione dal 30 al 70% almeno due ore prima di partita ed allenamento e anche durante il match o allenamento con bolo anti-rimbalzo subito terminato, prima della doccia.
Ovviamente consiglio di discutere questi spunti col medico.

I miei complimenti al Suo Campione cui invio un enorme in bocca lupo.

Un abbraccio fortissimo,
Biagio Barletta

©Riproduzione riservata



Vuoi parlare con le centinaia di amici che hanno già sperimentato le soluzioni proposte su DeeBee.it? Vuoi fare qualche domanda su un argomento specifico per conoscere le opinioni ed i suggerimenti di chi ci è già passato? Vuoi suggerire tu qualcosa dicendo la tua?
Non devi fare altro che iscriverti nel gruppo Nightscout Italia ed otterrai risposta ad ogni tua domanda!
Enjoy!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *