La Francia và a Fuoco!!

BLOGGER > Poteva andare peggio > La Francia và a Fuoco!!

Carissimi,
Siamo rientrati a casa dopo un viaggio che, non per ovvie ragioni, può definirsi di ” fuoco “. Quando ero giovane immaginavo per il mio matrimonio uno di quei viaggi di nozze in cui ti chiudi a chiave in camera e ciao mondo e invece è andata diversamente, come sempre. Ma era immaginabile che con una bimba piccola tutto ciò non fosse possibile. Come non fosse possibile mandare in vacanza il diabete e la celiachia di Amelia per rilassarci un pò.
Ma non potevamo rinunciarci ! E poi era il primo viaggio in camper di Amelia! Una vera emozione!
Fortunatamente tutto è andato bene e anche le glicemie di Amelia non sono state troppo brutte. Mi sono accorta che lasciarla giocare in spiaggia in costume, micro e sensore sulla gamba era la cosa più normale del mondo e quando tu sei sereno non vedi nessuno sguardo strano e nessun giudizio. Abbiamo fatto tante cose belle, chilometri in bici, litigate di notte in salita, splendidi bagni a mare e poi, su Tutti, il gran finale, quello di fuoco, ovvero: l’incendio!
Ebbene si, proprio così. Eravamo dentro il grande incendio della costa azzurra! È cosi è andata: martedi, nel cuore della notte, mi sveglio e inizio a sentire movimenti e sirene nel camping. Però un rumore basso e non invadente, una cosa che volendo si poteva continuare a dormire. Così chiamo Emiliano che dormiva nel suo lettino stile cassa di morto e tutto dritto, come un morto, e lo avverto dei rumori. Come sempre non mi prende sul serio e mi farfuglia qualcosa che non si capisce niente. Provo a dormire ma continuano le voci e un gran via vai di macchine. Madonna che casino sto campeggio! Penso stupita, fino a quando, All’improvviso, Emiliano resuscita, scatta in piedi ed esce fuori urlandomi che dobbiamo scappare! Panico. Il primo pensiero è valutare subito tutto ciò che è importante avere per Amelia. Realizzo che abbiamo tutto nel camper e quindi abbiamo tutto ciò che ci serve con noi. Che fortuna! Così proviamo a recuperare le bici. Riusciamo a caricarne una ma l altra, vuoi per la furia, vuoi per l’ansia, non ci Riusciamo, e io presa dalla foga la scaravento per terra e salgo sul camper. Di fronte a noi una luce rossa fortissima e tante, tante scintille. Un vigilantes passa dicendo ad Emiliano di andare via e velocemente, ma il suo tono di voce che era così rilassato che sembrava fosse niente, ed era buffo questo contrasto perche io tremavo di paura. Come siamo diversi, tutti.
Scappiamo via col camper e Amelia che ancora dorme e chiamiamo gli altri unici italiani del camping: una bellissima coppia di Cuneo con due bimbe strepitose. In costa azzurra alle 3 di notte, proprio nel camping più vicino all’incendio non potevamo che esserci Noi! Sempre in prima linea! E sempre un pò storditi ci ricongiungiamo con i ragazzi di Cuneo e passiamo una notte a una giornata bellissima insieme. Dalla paura, la confusione e la preoccupazione è nata, di notte, una speciale solidarietà. Quella che trovi solo nelle emergenze e quella che ti fa sperare che il mondo possa essere tutto un pò meglio. Uniamo le nostre famiglie, condividiamo il cibo, l’acqua e il camper. Rendiamo partecipi delle nostre giornate col diabete e la celiachia questa splendida famiglia che in due giorni con noi si è fatta una cultura sul diabete grazie alle lezioni super scientifiche di Emiliano e allo stare insieme. Con la celiachia di Amelia e le bimbe piccole le colazioni e i pranzi erano un pò difficili da mettere insieme ma alla fine ce l’abbiamo fatta. E siamo stati insieme, Bene, con tutte le differenze e i piccoli ostacoli da superare e siamo riusciti a recuperare la bicicletta ed altre cose dell’altra famiglia. Non poteva che finire così il nostro viaggio. Col fuoco, con la fuga e con l’avventura, con la consapevolezza del fatto che, come sempre, poteva andare peggio, e, che anche questa volta c’è l’abbiamo fatta! Abbiamo trasformato una sfiga in un bel momento ed Emiliano sta anche un pò meglio.

Grazie Francia, grazie camper, grazie vita.

©Riproduzione riservata


Vuoi parlare con le centinaia di amici che hanno già sperimentato le soluzioni proposte su DeeBee.it? Vuoi fare qualche domanda su un argomento specifico per conoscere le opinioni ed i suggerimenti di chi ci è già passato? Vuoi suggerire tu qualcosa dicendo la tua?
Non devi fare altro che iscriverti nel gruppo Nightscout Italia ed otterrai risposta ad ogni tua domanda!
Enjoy!