Tutti i Santi

Stanotte vorrei proprio dormire, perché quest’estate il sonno latita.
Prendo poche gocce e mi aggrappo a pensieri positivi. Non mi vengono pensieri positivi intelligenti, allora mi aggrappo a pensieri positivi stupidi.
Prego San Glicemico di farmela passare liscia, che sto a 160 e potrebbe anche andarmi bene.
Dopo due ore di pensieri positivi stupidi sento che l’unico modo per addormentarmi è bere un bicchiere di latte e mangiare qualcosa. Mentre sto in cucina per la merenda, la glicemia inizia precipitosamente a scendere. Scende scende scende e quando torno a letto decido di non fare il bolo. Mi stabilizzo e ricomincio coi pensieri, sempre stupidi, ma negativi.
Mi giro e mi rigiro, mi rigiro e mi giro.
Gli occhi miopi scrutano la sveglia e mi dicono che sono le 8:00. Li stringo un po’ di più e mi accorgo che sono le 3:30. Il sensore comincia ad urlare e mi dice che la glicemia sta scendendo di nuovo. Bevo un succo e attendo, cullata dal russare inconsapevole del mio compagno.
Quando mi riprendo comincio a dargli calci. E a prenderli indietro.
Dopo una mezz’ora mi butto sui casi bizzarri dei pronto soccorsi americani su Real Time.
La notte continua così, da giorno mal travestito. Alle 7 accolgo la mattina con sollievo e mal di testa.
La glicemia è a 81, San Glicemico si è finalmente svegliato. Perché lui stanotte ha dormito.

13883834_10208836999753686_2137485387_n

Ti è piaciuto questo scritto di Lu? Clicca qui per leggerne altri ancor più belli!
©Riproduzione riservata


Vuoi parlare con le centinaia di amici che hanno già sperimentato le soluzioni proposte su DeeBee.it? Vuoi fare qualche domanda su un argomento specifico per conoscere le opinioni ed i suggerimenti di chi ci è già passato? Vuoi suggerire tu qualcosa dicendo la tua?
Non devi fare altro che iscriverti nel gruppo Nightscout Italia ed otterrai risposta ad ogni tua domanda!
Enjoy!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *