Riflessi

I momenti di solitudine fanno crescere, probabilmente. Soprattutto se si tratta di solitudine non scelta. E la malattia questi momenti ce li ha nel DNA.
Quando ti fermi e guardi avanti per pensare a quale strategia devi adottare per uscirne, e la tua sosta viene letta in un’altra lingua e il tuo sguardo interpretato in un’altra lingua.
Quando devi scegliere la soluzione migliore per stare bene e i tuoi movimenti agli occhi degli altri non sono che passi maldestri.
Ti trovi a nuotare in una piscina, senza riflessi di luce sul fondo né linee di direzione sul soffitto.
E quando dopo mille anni i momenti di solitudine ti sembrano indolori, ti basta vedere una bambina dagli occhi grandi di cerbiatta piangere in preda alla glicemia alta, di fronte al divieto di mangiare un dolce. E senti l’ingiustizia di lacrime salate di fronte alla cosa più semplice del mondo.
E capisci che ti capiterà ancora mille volte nella vita di dover affrontare l’acqua senza riflessi di luce sul fondo.

luisa

Ti è piaciuto questo scritto di Lu? Clicca qui per leggerne altri ancor più belli!
©Riproduzione riservata


Vuoi parlare con le centinaia di amici che hanno già sperimentato le soluzioni proposte su DeeBee.it? Vuoi fare qualche domanda su un argomento specifico per conoscere le opinioni ed i suggerimenti di chi ci è già passato? Vuoi suggerire tu qualcosa dicendo la tua?
Non devi fare altro che iscriverti nel gruppo Nightscout Italia ed otterrai risposta ad ogni tua domanda!
Enjoy!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *