Nightscout di notte

Spesso Nightscout viene usato soltanto di giorno. Noi, però, riteniamo che debba essere usato 24 ore su 24 per svariati motivi. I principali:

  1. Avere la glicemia al polso anche a letto è supercomodo.
  2. Avere una glicemia in anticipo rispetto a quella del Dexcom di 10 minuti aiuta nei momenti in cui è necessario correggere. Per esempio il ricevitore segna 90 in giù, ma magari Nightscout (che vede oltre) ti dice che è già un 100 in su. E quindi puoi girarti dall’altra parte e continuare a dormire (fino al prossimo allarme, almeno!).

La domanda che ci viene posta più spesso è: “Come faccio ad usare Nightscout di notte, se il telefono dev’essere scollegato dal Dexcom per essere messo in carica?”.
Semplice! Non usi quel telefono, ma un tablet. I tablet (con supporto OTG, mi raccomando!) hanno il vantaggio, rispetto agli smartphone, di costare anche meno ma, soprattutto, di poter essere messi in carica anche se la porta micro USB è occupata e, quindi, di non scaricarsi mai.

Occorre un tablet in particolare? No, è sufficiente un qualsiasi tablet con supporto OTG.

SETUP CLASSICO DI NIGHTSCOUT DURANTE LA NOTTE

Questo è un classico Nightscout, in una PapàncreasCase, così come si presenta di giorno.

IMG_20151004_191637-picsay

 

Con due semplici cavi è possibile lasciare il ricevitore Dexcom nella PapàncreasCase senza doverlo quindi mai estrarre e senza perciò sollecitarne la porta micro USB, salvaguardandola:
– un cavetto è per il caricabatterie;
– un cavetto è una prolunga micro USB collegata al tablet.

IMG_20151002_211306-picsay

Ed ecco come si presenta la PapàncreasCase di notte: lo smartphone è in ricarica, mentre il ricevitore Dexcom è collegato al tablet per mezzo della prolunga micro USB.

IMG_20151002_211322-picsay

 

E questo, infine, è il tablet. Collegato alla rete elettrica, per non scaricarsi mai, e al Dexcom mediante la prolunga micro USB, per trasmettere le glicemie con Nightscout (la cui app è quindi installata anche sul tablet).

IMG_20151002_211356-picsay

La soluzione riportata permetterà, tra l’altro, di avere di mattina il Dexcom sempre completamente carico; ciò farà sì che il Nightscout diurno durerà molto di più, poichè il telefono dovrà farsi molto meno carico della ricarica del Dexcom durante il giorno.

Ecco un esempio di prolunga microUSB.

$_35

Se acquistate la prolunga o un tablet online, vi invitiamo a riportare i vostri link nei commenti!

XDRIP DI NOTTE

Per gli utilizzatori di xDrip il problema non sussiste: xDrip può essere usato sia di giorno che di notte, senza nessun accorgimento particolare.

©Riproduzione riservata


Vuoi parlare con le centinaia di amici che hanno già sperimentato le soluzioni proposte su DeeBee.it? Vuoi fare qualche domanda su un argomento specifico per conoscere le opinioni ed i suggerimenti di chi ci è già passato? Vuoi suggerire tu qualcosa dicendo la tua?
Non devi fare altro che iscriverti nel gruppo Nightscout Italia ed otterrai risposta ad ogni tua domanda!
Enjoy!

4 pensieri su “Nightscout di notte”

  1. Trovo la soluzione eccezionale.
    Però faccio fatica a pensare ad un tablet da comprare: ho tutto Apple e, soprattutto, oltre un certo punto non vado in campo IT…
    :-)
    E’ possibile aggiungere qualche esempio di tablet con supporto OTG?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *