Archivi tag: insulina

Nuovo protocollo: glucagone per ipoglicemie moderate

L’episodio di vomito, soprattutto in presenza di insulina in circolo (la cosiddetta IOB, Insulin On Board) è uno degli eventi più temuti dai genitori di un bambino diabetico.
Se chi utilizza il microinfusore può correre ai ripari almeno in parte, stoppando l’erogazione di insulina basale, la cosa si fa più spinosa per chi utilizza le penne e fa quindi uso dell’insulina lenta.

Il problema principale è che, in caso di vomito, il bambino non riesce ad assumere alimenti per via orale, pertanto anche la semplice somministrazione di zucchero risulta spesso impraticabile. Se fino a poco tempo fa l’unica soluzione era il ricovero in pronto soccorso, oggi ci viene in aiuto un innovativo protocollo che, in caso di ipoglicemia lieve-moderata in corso di vomito, prevede la somministrazione di glucagone in piccole dosi*.

Questa situazione si può verificare soprattutto durante gli episodi di gastroenterite in cui il bambino vomita oppure si rifiuta di assumere qualsiasi cibo liquido o solido per bocca

siringa glucagone

La “mini dose” di glucagone viene somministrata con una semplice siringa per insulina, quindi vi consigliamo di averne sempre una a portata di mano. Può sembrare paradossale o banale, ma spesso ciò che manca è proprio la classica siringa usa e getta per insulina, complici microinfusori e penne che la rendono illusoriamente superflua.

✓ L’iniezione può essere praticata per via sottocutanea o intramuscolare
✓  Non è rilevante il sito d’iniezione
✓ Il glucagone ricostituito è instabile, va quindi buttato dopo qualche ora
✓ Prima di utilizzare questo protocollo, chiedi al tuo diabetologo di fiducia

Nella seguente tabella riportiamo le “mini dosi” di glucagone (Glucagen Hypokit 1mg) da somministrare, in relazione all’età del bambino. Qualora la glicemia non raggiunga livelli soddisfacenti, una seconda dose di pari entità potrà essere somministrata dopo 1 ora dalla prima iniezione.

regole glucagone

Il protocollo viene già insegnato nei migliori centri pediatrici italiani, tra i quali l’ospedale Regina Margherita di Torino e, come ogni novità degna di nota, è stato anche postato nel gruppo ufficiale di DeeBee.it.
Ringraziamo la dott.ssa Ivana Rabbone per la condivisione e la supervisione.

*Brink S, Joel D, Laffel L, Lee WWR, Olsen B, Phelan H, Hanas R. Sick day management in children and adolescents with diabetes. Pediatric Diabetes 2014; 15, S20:193–202
*Haymond MW1, Schreiner B. Mini-dose glucagon rescue for hypoglycemia in children with type 1 diabetes. Diabetes Care. 2001 Apr;24(4):643-5

 

CALCOLATORE ONLINE DI GLUCAGONE IN “MINI DOSE”

Inserisci l’età di tuo figlio e ottieni le unità di glucagone (Glucagen Hypokit 1mg) da somministrare.

Età Dose di glucagone

©Riproduzione riservata


Vuoi parlare con le centinaia di amici che hanno già sperimentato le soluzioni proposte su DeeBee.it? Vuoi fare qualche domanda su un argomento specifico per conoscere le opinioni ed i suggerimenti di chi ci è già passato? Vuoi suggerire tu qualcosa dicendo la tua?
Non devi fare altro che iscriverti nel gruppo Nightscout Italia ed otterrai risposta ad ogni tua domanda!
Enjoy!

Come non scordare l’iniezione di insulina

Insulina sì, insulina no? Quante volte capita di non ricordarci se abbiamo fatto o no l’insulina. Quel gesto, entrato nella routine quotidiana, talvolta si rivela “invisibile” alla memoria.

Da un sondaggio effettuato della casa farmaceutica Novo Nordisk in otto paesi (coinvolti 1.200 medici e 1.530 pazienti con diabete tipo 1 e 2) è emerso che quasi un terzo dei pazienti salta almeno un’iniezione al mese. Ovviamente il motivo principale non è la semplice dimenticanza, ma anche quella non è da sottovalutare.

Noi di DeeBee Italia, da sempre impegnati a far conoscere il più possibile gli aspetti pratici nella gestione del diabete, abbiamo raccolto alcune informazioni su prodotti nati per aiutare anche i più distratti utilizzatori di penne da insulina.

Insulcheck

È un dispositivo adatto sia per le penne usa e getta sia per le ricaricabili e dà la possibilità di visualizzare il tempo trascorso dall’ultimo utilizzo della penna.

insulcheck

Questo piccolo congegno viene fissato nella parte posteriore della penna, dove si caricano le unità. Il timer parte ogni volta che la penna viene utilizzata erogando l’insulina. Esistono sette modelli, secondo il tipo di penna: Flexpen, Solostar, Kwikpen, Clickstar, Luxura, Novopen3, Novopen4. È alimentato da una batteria sostituibile, che rende così il dispositivo duraturo nel tempo.

Insulcheck, commercializzato da Harmonium Pharma, è reperibile in farmacia al costo di circa 30,00€

Timesulin

Questo cappuccio, disponibile in tre modelli, è compatibile solo con alcune penne preriempite usa e getta:
– Penna da insulina SOLOSTAR (Sanofi), compatibile con i modelli Lantus e Apidra
– Penna da insulina KWIKPEN (Lilly), compatibile con Humalog, Humalog 50/50 e Humalog 75/25
– Penna da insulina FLEXPEN (Novo Nordisk), compatibile con i modelli NovoRapid, Levemir, Victoza, Novolog, Novolog Mix 70/30 e Protaphane HG (ge). Il dispositivo non funziona con la Novo Pen 3 e 4. 

timesulin

È sufficiente sostituire con Timesulin il normale cappuccio della penna da insulina. Ogni volta che il tappo si estrae per più di 8 secondi, il timer si azzera (questi secondi permettono di poter, eventualmente, controllare il livello di insulina senza che il timer si azzeri).  Il dispositivo, che ha una batteria della durata di circa 12 mesi, si trova in farmacia o direttamente da Microlink e costa 39,90 €.

Penna ricaricabile Echo Novo Nordisk

È una penna ricaricabile in versione digitale, commercializzata da Novo Nordisk e compatibile solo con le cartucce (Penfill) prodotte dalla casa farmaceutica multinazionale danese, come Novorapid, Novomix o Levemir.

NovoPen

La rivoluzionaria penna indica sia il tempo trascorso dall’ultima iniezione, sia il totale delle unità di insulina erogate.

Le batterie sostituibili rendono la penna di lunga durata. Si può richiedere a Novo Nordisk che la fornisce gratuitamente, oppure acquistarla on-line al costo di circa 110,00€.

©Riproduzione riservata


Vuoi parlare con le centinaia di amici che hanno già sperimentato le soluzioni proposte su DeeBee.it? Vuoi fare qualche domanda su un argomento specifico per conoscere le opinioni ed i suggerimenti di chi ci è già passato? Vuoi suggerire tu qualcosa dicendo la tua?
Non devi fare altro che iscriverti nel gruppo Nightscout Italia ed otterrai risposta ad ogni tua domanda!
Enjoy!

Presidente FDG a DeeBee.it: “Restano i problemi nella somministrazione dell’insulina a scuola”

Ha occupato titoli e pagine di vari giornali nazionali e locali il piano di intervento promosso dalla SIEDP (Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica) assieme al Coordinamento tra Associazioni italiane di aiuto a bambini e giovani con diabete (AGDI) e all’Italian Barometer Diabetes Observatory (IBDO).  Questo piano prende spunto da un altro documento di indirizzo del 2013 – redatto dal  Coordinamento delle Associazioni assieme ai Ministeri della Salute e dell’Istruzione – e delinea le principali indicazioni su “chi deve fare cosa a scuola e quando lo deve fare”, anzi su “chi dovrebbe fare cosa a scuola e quando lo dovrebbe fare”. Il condizionale è d’obbligo visto che fino ad ora il documento di indirizzo è stato percepito ufficialmente solo dalle Regioni Abruzzo, Umbria, Calabria, Sardegna e Sicilia. Tanto più che, non essendo una legge, ma un semplice documento di indirizzo, non sancisce assolutamente l’obbligo per il personale scolastico di somministrare farmaci o misurare la glicemia. Tutto resta come prima, su base volontaria e a discrezione di ogni insegnante o assistente.

Per capire meglio la situazione abbiamo interpellato il Presidente Nazionale della Federazione Diabete Giovanile Antonio Cabras. Solo qualche settimana fa lui ha indirizzato una lettera al Ministro per l’Istruzione, Università e Ricerca Stefania Giannini. Anche nel commento rilasciato appositamente per DeeBee, il presidente Cabras ci ribadisce il concetto e la richiesta della Federazione da lui guidata: delle politiche sanitarie del paese se ne deve occupare prima di tutto il Servizio Sanitario Nazionale.

“L’assistenza e la somministrazione dei farmaci agli alunni portatori di patologie croniche in ambito scolastico sono un problema complicato e di difficile soluzione. Le diverse circolari ministeriali in questi anni non hanno avuto esito positivo. Si conta che gli alunni diabetici nel nostro Paese siano circa 12.000. Nonostante gli sforzi per educarli ad essere autonomi e gestire correttamente il diabete, si riscontrano ancora molti problemi nella determinazione della glicemia e nella somministrazione dell’insulina. Affinché siano assicurate condizioni migliori occorre anche una corretta alimentazione nelle mense scolastiche, oltre che un controllo del pasto consumato dall’alunno; inoltre un adeguato svolgimento dell’attività fisica a scuola, costituendo questa parte integrante della terapia; ancora la gestione di eventuali crisi ipoglicemiche. Anche se il docente assolve pienamente ai suoi doveri, oltre che di insegnamento, di controllo di eventuali campanelli d’allarme, queste funzioni sono competenze del SSN, nato per tutelare la salute e non per soddisfare il prestigio di molti.
Il nostro Ministro della Pubblica Istruzione ha pensato bene di costituire un Comitato Paritetico Nazionale per le malattie croniche e la somministrazione dei farmaci a scuola, composto da rappresentanti del Ministero della Salute del MIUR, da Esperti, ecc…, che ha recentemente prodotto un documento sugli “Aspetti organizzativi e procedurali nella somministrazione dei farmaci per la continuità terapeutica e la gestione delle emergenze“. Il risultato in buona sostanza è che gli interventi previsti per i diabetici, gli asmatici, gli epilettici, vengano eseguiti in forma volontaria dal personale scolastico previa formazione, eludendo le norme di legge in materia art. 348 c.p. Certamente la corretta formazione del personale scolastico è la via attraverso cui si creano le condizioni per una serena e sicura vita scolastica sia per gli operatori scolastici stessi, che per l’alunno con diabete e la famiglia. Ciò non esaudisce i problemi e le necessità che si possono verificare, soprattutto là dove l’alunno non ha un’età sufficiente per operare autonomamente. La Federazione Nazionale Diabete Giovanile vorrebbe che in primo luogo fosse il SSN a guidare la salute delle persone, in questo caso degli alunni con diabete in ambito scolastico, e a guidare tutte le politiche sanitarie del Paese”

©Riproduzione riservata


Vuoi parlare con le centinaia di amici che hanno già sperimentato le soluzioni proposte su DeeBee.it? Vuoi fare qualche domanda su un argomento specifico per conoscere le opinioni ed i suggerimenti di chi ci è già passato? Vuoi suggerire tu qualcosa dicendo la tua?
Non devi fare altro che iscriverti nel gruppo Nightscout Italia ed otterrai risposta ad ogni tua domanda!
Enjoy!

Insulina faster-acting in arrivo

Non è stato svelato ancora il nome ufficiale della nuova insulina aspart “faster-acting” per la quale Novo Nordisk ha già chiesto l’approvazione alla commercializzazione. Il 4 dicembre 2015 la multinazionale farmaceutica con sede a Bagsværd in Danimarca ha annunciato di aver presentato richiesta di approvazione all’Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) e dopo soli cinque giorni, anche alla Food and Drug Administration (FDA).

Il vice presidente esecutivo e direttore scientifico di Novo Nordisk, Mads Krogsgaard Thomsen, sostiene che la richiesta di approvazione dell’insulina aspart “faster-acting” è un passo avanti nell’aiutare le persone con il diabete a migliorare il loro controllo glicemico post prandiale. “I trial dimostrano che la nuova insulina aiuta nel migliorare le glicemie postprandiali e può portare a un’ulteriore diminuzione dell’emoglobina glicata e maggiore flessibilità rispetto a Novorapid”.

Le due richieste di autorizzazione si basano proprio sui risultati dei trial clinici che hanno coinvolto 2100 pazienti affetti da diabete di tipo 1 e 2. Durante le quattro differenti prove è stato dimostrato che le persone trattate con questa nuova insulina ad azione più veloce hanno raggiunto un migliore controllo post-prandiale rispetto alla classica NovoRapid e una riduzione dell’emoglobina glicata (HbA 1c) pari a quelli trattati con Novorapid.

insulina_fast

Secondo i dati presentati a settembre del 2015 a Stoccolma al Congresso Europeo di Diabetologia (European Association for the Study of Diabetes, EASD) la nuova insulina raggiunge il 50% del picco dopo 20 minuti dall’iniezione (12 minuti prima della classica Novorapid) e dopo 55 minuti raggiunge il suo picco massimo (contro 82 minuti della Novorapid classica). La nuova formulazione, realizzata grazie all’aggiunta di due eccipienti, sembra assicurare un assorbimento anticipato, rendendo la nuova insulina più efficace sia per l’utilizzo con le penne sia con i microinfusori.

 

©Riproduzione riservata


Vuoi parlare con le centinaia di amici che hanno già sperimentato le soluzioni proposte su DeeBee.it? Vuoi fare qualche domanda su un argomento specifico per conoscere le opinioni ed i suggerimenti di chi ci è già passato? Vuoi suggerire tu qualcosa dicendo la tua?
Non devi fare altro che iscriverti nel gruppo Nightscout Italia ed otterrai risposta ad ogni tua domanda!
Enjoy!

Come i ricercatori ripristineranno la produzione di insulina

Iniettando miliardi di cellule immunitarie nel corpo aumenta la produzione di insulina, evitando la necessità di iniezioni giornaliere

La fine delle iniezioni quotidiane per chi soffre di diabete potrebbe essere in vista dopo che dei ricercatori  hanno dimostrato che è possibile ripristinare la produzione di insulina per un massimo di un anno, stimolando il sistema immunitario.

Centinaia di migliaia di persone soffrono di diabete di tipo 1 ed hanno la necessità di somministrare diverse iniezioni al giorno per mantenere la glicemia sotto controllo.

Le persone sane hanno miliardi di cellule chiamate “T-reg”, che proteggono le cellule che producono insulina dal sistema immunitario, ma le persone che soffrono di diabete di tipo 1 non ne hanno abbastanza.

“L’intervento T-reg libera le persone come me dalla routine quotidiana della terapia insulinica e dalla costante paura delle  complicazione”
Mary Rooney, paziente diabete tipo 1

Ora i ricercatori della University of California e Yale hanno dimostrato che le cellule T regolatorie “possono essere estratte dal corpo, aumentate di 1,500 volte  in laboratorio e infuse di nuovo nel sangue per ripristinarne la normale funzionalità.

Un test iniziale su 14 persone ha dimostrato che la terapia è sicura, e può durare fino a un anno.

“Questo potrebbe essere una svolta”, ha detto il dottor Jeffrey Bluestone, Professore di Endocrinologia e Metabolismo presso l’Università della California, San Francisco (UCSF). “Utilizzando T-reg al sistema immunitario viene rieducato, potremmo essere veramente in grado di cambiare il corso della malattia. Ci aspettiamo che T-reg diventi in futuro una parte importante della terapia del diabete”

insulin_3261829b

Non solo può  interrompere la necessità di somministrazioni regolari di insulina, ma impedisce alla malattia di progredire, e quindi preserva da future complicanze.

Il diabete di tipo 1 è una malattia autoimmune, il sistema immunitario di solito difende contro le infezioni, ma nel diabete di tipo 1 il processo si inceppa e così  invece di combattere agenti esterni, attacca le cellule del proprio corpo.

In questa nuova procedura, medici hanno prelevato del sangue  contenente circa dai due ai quattro milioni di cellule ‘T-reg’ da 14 pazienti di età compresa tra i 18 ei 43 anni, a cui era stato recentemente diagnosticato il diabete di tipo 1. Le loro cellule ‘T-reg’ sono state separate dalle altre cellule e replicate a mezzo di coltura, prima di essere infuse nuovamente nel sangue.

La psicologa infantile Mary Rooney, 39 anni, a cui è stato diagnosticato il diabete tipo 1 nel 2011, è stata la prima partecipante al test e ha detto che la terapia l’ha resa libera dalle iniezioni quotidiane.

Il team di ricercatori afferma  che il trattamento T-Reg è promettente anche per trattamenti di altre malattie autoimmuni come l’artrite reumatoide e il lupus, e anche come terapie per le malattie cardiovascolari, malattie neurologiche e l’obesità.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Science Translational Medicine.

Tratto da “The Telegraph – 25 novembre 2015

 

©Riproduzione riservata


Vuoi parlare con le centinaia di amici che hanno già sperimentato le soluzioni proposte su DeeBee.it? Vuoi fare qualche domanda su un argomento specifico per conoscere le opinioni ed i suggerimenti di chi ci è già passato? Vuoi suggerire tu qualcosa dicendo la tua?
Non devi fare altro che iscriverti nel gruppo Nightscout Italia ed otterrai risposta ad ogni tua domanda!
Enjoy!

Assorbimento dell’insulina

Come varia l’azione dell’insulina per il caldo, il freddo e per altri motivi?

In questa grafica, che potrai scaricare e stampare per consultarla tutte le volte che vorrai, è spiegato tutto in modo preciso ma conciso!

Effetto insulina3

©Riproduzione riservata


Vuoi parlare con le centinaia di amici che hanno già sperimentato le soluzioni proposte su DeeBee.it? Vuoi fare qualche domanda su un argomento specifico per conoscere le opinioni ed i suggerimenti di chi ci è già passato? Vuoi suggerire tu qualcosa dicendo la tua?
Non devi fare altro che iscriverti nel gruppo Nightscout Italia ed otterrai risposta ad ogni tua domanda!
Enjoy!