Il diabete e le epoche

Nella mia vita di diabete una cosa ho imparato, che il diabete di tipo 1 non si dice mai al singolare. Ce ne sono tanti quante sono le persone e ognuno di essi cambia faccia col passare degli anni e “delle mode”.
Quando ero piccola io c’erano due modi per presentarlo al mondo: la maggioranza lo negava, rifiutava il termine ‘malattia’ e ne nascondeva tutti gli aspetti scomodi.
Una minoranza lo utilizzava come strumento di ‘opposizione al mondo’. Una sorta di polemica che serviva ad accusare chi interpretava male. Ricordo più episodi di persone che in discoteca, al centro della folla, nella situazione di maggior visibilità possibile, si facevano l’ insulina, per scagliarsi poi contro chiunque interpretasse in modo errato l’ azione o semplicemente ne chiedesse delucidazioni.
La mia posizione non ha mai avuto nulla a che fare con queste.
Ed ero una mosca bianca.
C’erano poi diversi modi di rispondere all’alternarsi di ‘filosofie mediche’, che di periodo in periodo presentavano terapie rigide come celle di carcere in successione a terapie tanto morbide da negare la malattia.
La mia strategia ha sempre consistito nel fregarmene delle teorie, per guardare alla realtà del mio corpo.
E di scriverne, -che senza la scrittura sarei annegata mille volte-.
Oggi vedo in giro posizioni di accettazione della malattia più realistiche e giustamente attentissime all’aspetto normativo e posizioni che considerano il diabete una marcia in più, un elemento di privilegio etico, uno strumento di felicità alternativa.
Anche tra queste posizioni ci sto stretta, anzi, un po’ scomoda.
Ma oggi mi viene da considerare ogni tipo di atteggiamento con più clemenza, perché mi pare normale che ognuno cerchi di vivere nel ‘migliore dei -suoi- mondi possibili’.
Non so cosa altro dovrò vedere e vivere riguardo al diabete.
Dal mio punto di vista ne ho viste e vissute abbastanza e cambierei volentieri prospettiva.
Ma questa è un’altra storia.

Ti è piaciuto questo scritto di Lu? Clicca qui per leggerne altri ancor più belli!
©Riproduzione riservata


Vuoi parlare con le centinaia di amici che hanno già sperimentato le soluzioni proposte su DeeBee.it? Vuoi fare qualche domanda su un argomento specifico per conoscere le opinioni ed i suggerimenti di chi ci è già passato? Vuoi suggerire tu qualcosa dicendo la tua?
Non devi fare altro che iscriverti nel gruppo Nightscout Italia ed otterrai risposta ad ogni tua domanda!
Enjoy!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *