Matilde, bambina solare che fa la linguaccia al diabete (scarica il suo libro)

Dall’altra parte del telefono risponde una voce allegra e squillante. È Caterina, la mamma di Matilde. E si spiega subito il sorriso contagioso e la grinta di questa bambina…

Ha dieci anni Matilde e da febbraio del 2016 si è trovata catapultata in un mondo fatto anche di aghi, insulina e glucometri. “Il diabete sta qui, con noi, ma senza farla da padrone. Non abbiamo cambiato le abitudini alimentari della famiglia, le attività quotidiane di Matilde e le nostre, malgrado le ovvie difficoltà”, racconta Caterina che segue minuziosamente la gestione in ogni dettaglio, ma a volte lo fa a “distanza di sicurezza” per regalare autonomia e fiducia alla sua bambina.

Per la festa dei dieci anni, ecco l’idea originale: scrivere un piccolo libro sul diabete da regalare agli amici a posto del solito ricordino.

“Matilde è partita da un po’ di domande che le ho fatto e il suo carattere così vivace e solare ha fatto il resto. Lei è positiva di natura e abbiamo cercato di alimentare questo suo lato del carattere. E si nota già dal titolo del libro l’approccio che ha”.

Con il candore della sua età e con semplicità disarmante, Matilde riesce a spiegare molto meglio di tanti adulti la sua patologia e le misure da prendere in caso di necessità.

Quando la mia glicemia è circa 100 è perfetta, quando è inferiore a 70 vado in ipoglicemia e tutti mi dicono di mangiare le caramelle, di sedermi e di rialzarmi solo quando non mi gira più la testa né mi tremano le gambe.
Dover mangiar le CARAMELLE non è affatto male…

La piccola pubblicazione, che Matilde ha dedicato alle sue maestre e ai suoi compagni della scuola, verà regalata anche a tutte le biblioteche di Bergamo con il patrocinio dell’associazione “Noi. Insieme per i diabetici insulinodipendenti”. Ma a questo punto il dono si allarga, arrivando anche ai lettori di DeeBee.

Download “"Non è così male", di Matilde” NON-E-COSI-MALE.pdf – Scaricato 186 volte – 661 KB

Se il titolo potrebbe sembrare troppo leggero, letti da un adulto i pensieri di Matilde fanno riflettere. Prende per mano il lettore e lo accompagna con il suo tocco lieve anche nel sottobosco, dove la luce del sole non arriva diretta.

Spero che in futuro tutti capiscano cosa significhi avere il diabete, perché io ce l’avrò per tutta la vita e non ho voglia di essere presa in giro per sempre.

Eccola qui Matilde, che si descrive come “una bambina vivace, coi piedi giganti e con tanta voglia di divertirsi, perché… ODIO ANNOIARMI!!!!”

Ti è piaciuto questo articolo?
Clicca qui
per leggere altri bellissimi articoli della rubrica "Vivere il diabete"!

Vuoi raccontarci tu una storia? Spediscicela qui: info@deebee.it
©Riproduzione riservata
Print Friendly, PDF & Email

Vuoi parlare con le centinaia di amici che hanno già sperimentato le soluzioni proposte su DeeBee.it? Vuoi fare qualche domanda su un argomento specifico per conoscere le opinioni ed i suggerimenti di chi ci è già passato? Vuoi suggerire tu qualcosa dicendo la tua?
Non devi fare altro che iscriverti nel gruppo Nightscout Italia ed otterrai risposta ad ogni tua domanda!
Enjoy!

Ti potrebbero interessare anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *