VENTICINQUE GENNAIO DUEMILASEDICI

25 gennaio 2016: è questa la data della svolta, del cambiamento della mia vita, di quello della mia famiglia.

E sì! E’ proprio così! Da quella data c’è un prima e c’è un dopo e tutti quanti ci siamo ritrovati dall’altra parte del burrone a guardarci con occhi smarriti.

Eravamo sereni, oserei dire, felici, prima! Senza saperlo… e abbiamo trascorso dalla nascita di Giordano, il terzo figlio, il piccolo di casa, quello che è arrivato dopo otto anni dal secondo, altri tre anni di apparente tranquillità. Perché poi sul finire del suo terzo anno di età… i primi dubbi, le incertezze, lo sgomento… e infine, la triste realtà: suo figlio ha il Diabete Tipo 1, malattia cronica. Cioè? Non esiste ancora cura! Dal Diabete non si guarisce!

Una notizia del genere ti cambia… per forza di cose, non ci si può illudere che tutto rimanga invariato.

Ecco, allora, il motivo di questo scritto: ho pensato a voi, a voi miei figli “grandi”, Gioele ed Elia, a voi che avete visto ritornare dall’ospedale, giusto il giorno del tuo compleanno Gioele (ditemi voi se questi non sono scherzi della vita!) non solo un nuovo fratellino ma, anche un nuovo padre. L’ho già scritto altrove, purtroppo una malattia, una sofferenza e non parlo solo di quella fisica, ti segna, ti fa vedere le cose da un’altra prospettiva.

Gli inizi non sono stati sicuramente facili: mamma e papà sempre concentrati sul fratellino, tutte le attenzioni su di lui! E per voi? Credo il nulla… neanche ammalarvi avete potuto fare… perché in quel caso vi siete dovuti trasferire dalla nonna… per evitare contagi!

Cari figli miei…eppure vi siete adeguati, non avete chiesto spiegazioni anzi, con grande attenzione vi siete concentrati sul nuovo modo di vivere in famiglia prestando più attenzione ai dettagli, ai particolari per evitare tutto ciò che per Giordano potesse essere motivo di disagio.

Perché il diabete che arriva in famiglia è anche questo…la Vita è questa! Non ci sono corsi preparatori che ti insegnino come affrontarla: ti devi adeguare alle situazioni che ti si presentano, tirare le somme e poi cercare una soluzione che non è “rassegnazione”! Al contrario…

Voi col vostro atteggiamento avete consentito a tutta la famiglia di andare avanti, perché tutti abbiamo accettato di cambiare, siamo scesi nell’arena del compromesso e abbiamo lottato, ciascuno con le proprie forze ma, abbiamo tenuto ben strette le mani l’uno dell’altro, abbiamo rinsaldato l’anello di quella catena che si era spezzata il 25 gennaio; la catena …il simbolo di quel legame che io con la mamma avevamo fino ad allora, costruito in giorni, mesi, anni di vita insieme, prima ancora che fossimo una vera famiglia, quella che invece, siamo oggi!

Certamente non sono stato all’altezza, ho sentito i vostri sguardi su di me, ho respirato la responsabilità di dovervi guidare, rassicurare. Per questo vi chiedo scusa, se non ho saputo parlarvi, se sono rimasto in silenzio… ma purtroppo non avevo risposte neanche ai miei interrogativi!

Adesso però, dopo quasi due anni, un consiglio posso darvelo: siate sempre sinceri con voi stessi, non nascondete mai i vostri sentimenti, non vergognatevene e se lo riterrete corretto, date un abbraccio, un bacio, sappiate ringraziare: fatelo, fatelo sempre e in qualunque modo, come adesso io sto facendo con voi… grazie, grazie dal profondo del mio cuore… Sappiate sempre guardare oltre… perché anche dalle situazioni più difficili può nascere qualcosa di buono. Noi, Voi, ne siete un esempio…buona vita, figli miei, buona vita, tutti uniti, sempre insieme!

Marco Cefalù

Ti è piaciuto questo articolo?
Clicca qui
per leggere altri bellissimi articoli della rubrica "Vivere il diabete"!

Vuoi raccontarci tu una storia? Spediscicela qui: info@deebee.it
©Riproduzione riservata
Print Friendly, PDF & Email

Vuoi parlare con le migliaia di amici che hanno già sperimentato le soluzioni proposte su DeeBee.it? Vuoi fare qualche domanda su un argomento specifico per conoscere le opinioni ed i suggerimenti di chi ci è già passato? Vuoi suggerire tu qualcosa dicendo la tua?
Non devi fare altro che iscriverti nel gruppo Nightscout Italia ed otterrai risposta ad ogni tua domanda! Nel nostro gruppo affrontiamo ogni tematica inerente il diabete (non solo tecnologia ma anche leggi, sport, alimentazione, accettazione, gestione quotidiana, L104, ecc., sia per adulti che per bambini).
Enjoy!

Ti potrebbero interessare anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *