Archivi tag: Enlite

Veneto, meno vincoli per ottenere i sensori glicemici dal SSN

Un passo avanti verso l'equo accesso ai presidi medici. In arrivo i sensori associati anche ad Accu-Chek, OmniPod per i microinfusi e le cannule sottocutanee I-port Advance e Insuflon.

Cambiamenti in vista per i bambini e alcune fasce di adulti diabetici residenti nel Veneto. Il 27 maggio 2016  è stato reso noto l’ultimo Protocollo regionale in materia di terapia con microinfusori che introduce importanti novità.

D’ora in poi i dispositivi per il monitoraggio continuo della glicemia potranno essere concessi in abbinamento anche con microinfusori in sistema associato e non solo integrato come prima.  In altre parole, fino a ieri chi utilizzava un microinfusore poteva ottenere dal SSN il sensore che “parlava” nativamente con il microinfusore, e questo tagliava fuori tutti pazienti il cui microinfusore non possedeva un sensore dedicato. Oggi invece il vincolo è stato reso più morbido: chi ha un microinfusore potrà ottenere un sensore, anche se non abbinato nativamente con il microinfusore in possesso. Ciò apre a nuovi scenari come, per esempio, alla prescrivibilità del sensore a chi usa OmniPod. 

veneto

La nuova normativa riguarda sia bambini sia adulti e in tutti e due i casi si tratta di tipologie specifiche di pazienti, come da protocollo regionale.

PAZIENTI PEDIATRICI (ALLEGATO B2)

b2

PAZIENTI ADULTI (ALLEGATO A2)

a2

Il problema della fornitura dei dispositivi per il monitoraggio continuo resta molto sentito soprattutto per i genitori con bambini piccoli affetti da diabete. Queste sono solo due delle testimonianze arrivate in redazione dal Veneto:

Mia figlia è diabetica da quasi 2 anni e in questo lasso di tempo, a causa dei protocolli regionali in vigore all’epoca, ho sostenuto le spese per l’acquisto per le  cannule sottocutanee (gli I-port) e per il sensore Dexcom. In Veneto infatti entrambi per la mia bimba non erano previsti, in particolar modo il sensore, in quanto non utilizzavamo la terapia con microinfusore. Anche in questo caso però era concesso solo in caso di sistema integrato, infatti da ottobre 2015, cominciando la nostra avventura con Animas Vibe (che comunica con il sensore Dexcom) il nostro conto in banca ha trovato respiro.

Per chi usava OmniPod o Accu-Chek, microinfusori non integrati con alcun tipo di sensore, la situazione è sempre stata ben diversa.

Dopo l’esordio ho iniziato a leggere, sono entrata in questo mondo così poco familiare. Mi sono avvicinata pian piano alla tecnologia, incuriosita dalle potenzialità del sensore; le manine di Davide erano così rovinate, le prove glicemiche erano veramente troppe ed era così difficile capire l’andamento giornaliero. Mi muovevo un po’ a naso, come un funambolo alle prime armi, ma non ero soddisfatta e le glicate confermavano un lavoro approssimativo. Volevo qualcosa di più per Davide e così mi viene fatto provare per una settimana il sensore Dexcom G4. Fu più che sufficiente per capire che ti trattava di uno strumento eccezionale, peccato che la Regione non preveda sensori per i “pennuti” (usavamo ancora le penne…). Non mi sono abbattuta, ho affrontato la spesa e ho deciso di vivere con mio figlio questa nuova avventura! La mia strada continuava intanto verso l’interesse per il microinfusore, da 6 mesi Davide usa OmniPod e chiedete a lui: non tornerebbe mai indietro!!! Ora l’ultimo pezzetto del puzzle sta per sistemarsi, pare che la Regione abbia approvato l’uso del sensore anche con altri microinfusori, come OmniPod. Era ora!! Questi strumenti sono dei grandi alleati!! Parola di mamma!!

Prescrivibilità delle cannule sottocutanee per la somministrazione di insulina

Oltre ai sensori, il nuovo protocollo prevede la fornitura anche di I-port Advance e Insuflon per alcune categorie di pazienti diabetici come si legge nel modello B6 relativo alla richiesta di fornitura:

b6

 

L’allegato B riporta:

“Le cannule sottocutanee sono porte di accesso per iniezioni ipodermiche indicate nei pazienti che si somministrano (o ai quali sono somministrate) più iniezioni quotidiane di farmaci, compresa l’insulina. […] considerato che il dispositivo può rendere più agevole la somministrazione di insulina, si ritiene di riservarne l’utilizzo per le tipologie di pazienti di seguito riportate:
– bambini con età < 6 anni che effettuano più di 4 somministrazioni di insulina/die;
–  bambini/adolescenti con età < 18 anni agofobici che sono inseriti in un percorso strutturato che porta all’uso del microinfusore.”

Non ci sono novità invece sulla prescrivibilità del sensore nei casi di terapia multiiniettiva. Ci auguriamo che al più presto venga parificato l’accesso lasciando la decisione al medico, come si chiede a gran voce da migliaia di persone attraverso la petizione lanciata il 10 marzo.

Diabete e bambino. Cosa succede quando mangiamo? La vera storia del cibo dalla bocca agli zuccheri, grazie al lavoro di Fata Insulina.

Da Padre a padre, dico grazie all'autore per aver fatto sorridere la mia bambina. Ci ha relagato uno sprazzo di magia

Ho pianto nel vedere la mia bimba felice  di leggere di una bimba come lei
©Riproduzione riservata
Print Friendly, PDF & Email

Vuoi parlare con le migliaia di amici che hanno già sperimentato le soluzioni proposte su DeeBee.it? Vuoi fare qualche domanda su un argomento specifico per conoscere le opinioni ed i suggerimenti di chi ci è già passato? Vuoi suggerire tu qualcosa dicendo la tua?
Non devi fare altro che iscriverti nel gruppo Nightscout Italia ed otterrai risposta ad ogni tua domanda! Nel nostro gruppo affrontiamo ogni tematica inerente il diabete (non solo tecnologia ma anche leggi, sport, alimentazione, accettazione, gestione quotidiana, L104, ecc., sia per adulti che per bambini).
Enjoy!

Nightscout con Medtronic 670G e 640G? Da oggi si può!

Per chi usa il microinfusore Medtronic 670G o 640G con sensore Enlite è finalmente arrivata la notizia tanto attesa: da oggi è possibile predisporre Nightscout, in modo semplice e veloce, anche per questo diLennart_Goedhartspositivo!
L’ideatore di questa nuova “piccola” rivoluzione nel mondo Nightscout è l’australiano Lennart Goedhart, in foto.

DeeBee.it ha redatto un documento in italiano, per venire incontro a tutte le persone che vogliono monitorare a distanza le glicemie dei loro bimbi e dei loro cari. Come di consueto, potrete farvi guidare su DeeBee.it dalla guida passo passo, insieme alle altre guide. Inoltre, troverete anche utilizzatori che già lo usano, nel gruppo ufficiale Nightscout Italia, formato da tante persone che hanno già creato il loro sistema Nightscout e che, quindi, sono lì pronte per darvi una mano in caso di problemi.

Una caratteristica molto apprezzata di Nightscout è quella che consente di vedere costantemente le glicemie al polso, sul quadrante del proprio orologio.

Ecco perché il motto di DeeBee è…
In alto i nostri smartwatch!

Nota bene. Spesso chi visualizza questa pagina è interessato anche a:
Enlite DEEfender per Enlite 2 o Enlite 3
DeeBee Bean per Medtronic e Nightscout

Diabete e bambino. Cosa succede quando mangiamo? La vera storia del cibo dalla bocca agli zuccheri, grazie al lavoro di Fata Insulina.

Da Padre a padre, dico grazie all'autore per aver fatto sorridere la mia bambina. Ci ha relagato uno sprazzo di magia

Ho pianto nel vedere la mia bimba felice  di leggere di una bimba come lei
©Riproduzione riservata
Print Friendly, PDF & Email

Vuoi parlare con le migliaia di amici che hanno già sperimentato le soluzioni proposte su DeeBee.it? Vuoi fare qualche domanda su un argomento specifico per conoscere le opinioni ed i suggerimenti di chi ci è già passato? Vuoi suggerire tu qualcosa dicendo la tua?
Non devi fare altro che iscriverti nel gruppo Nightscout Italia ed otterrai risposta ad ogni tua domanda! Nel nostro gruppo affrontiamo ogni tematica inerente il diabete (non solo tecnologia ma anche leggi, sport, alimentazione, accettazione, gestione quotidiana, L104, ecc., sia per adulti che per bambini).
Enjoy!

Petizione sensore glicemico al Senato: parere favorevole dal Governo

Il 19 maggio poteva essere una giornata qualsiasi per noi di DeeBee Italia se in mattinata non ci fosse arrivata una mail ufficiale dal Senato Italiano: “con la presente vorremmo segnalare l’ordine del giorno e l’emendamento presentati dal Senatore Luis Alberto Orellana all’Atto Senato 1324, elaborati sulla base della vostra petizione, di seguito i testi”.

Durante la seduta pubblica, nell’aula tappezzata in rosso del Palazzo Madama, è arrivata la voce di quelle migliaia di persone che hanno firmato e diffuso la petizione per la parità di accesso al sensore glicemico per i pazienti con diabete mellito di Tipo1. Ed è arrivata con una richiesta diretta e decisa: inserire nell’ordine del giorno del Decreto di Legge Sanità, quindi impegnare il governo a “dare concreta attuazione agli obiettivi del Piano Nazionale Diabete, con specifico riferimento all’obiettivo 6 e all’obiettivo 9, valutando in particolare l’opportunità di aggiornare i presidi per persone affette da patologia diabetica di cui all’articolo 13 del Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 23 aprile 2008 (Allegato 3), nel rispetto degli equilibri della finanza pubblica”.

Dopo i due rinvii, eravamo in attesa della convocazione della Commissione Sanità al Senato, dove si doveva svolgere l’interrogazione promossa dal Sen. Maurizio Romani e firmata da altri sei senatori, proprio sulla questione sollevata dalla petizione. E invece l’iniziativa intrapresa insieme a 26 associazioni e community ha preso anche una nuova, inaspettata strada.

Pochissime ore dopo, non potevamo che esultare alle parole pronunciate in diretta tv:

Sull’ordine del giorno G2.100, anche se totalmente fuori argomento, data l’importanza esprimo un parere favorevole” (DE BIASI, relatrice)
Signora Presidente, esprimo parere conforme a quello della relatrice (DE FILIPPO, sottosegretario di Stato per la salute).

VIDEO SENATO.TV


Resoconto stenografico completo della seduta.

Poco prima, alla richiesta del Sen. Orellana si era subito unito in aula anche il nostro primo sostenitore, Sen. Maurizio Romani, vicepresidente della 12ª Commissione permanente (Igiene e sanità) e le Senatrici Serenella Fucksia e Manuela Granaiola.

Finita la seduta con l’approvazione dell’ordine del giorno e dopo frenetiche comunicazioni e congratulazioni che percorrevano in largo e in lungo la penisola, arriva anche la dichiarazione ufficiale del Sen. Orellana:

“Sono molto soddisfatto che il governo si sia impegnato ad aggiornare l’elenco dei presìdi per persone affette da patologia diabetica finanziati dal sistema sanitario nazionale e di valutare l’opportunità di inserire nuovi dispositivi medici non invasivi che consentano una misurazione continua della glicemia, in linea con quanto previsto dagli obiettivi 6 e 9 del Piano nazionale diabete. Il testo accolto oggi dà speranza alle tante associazioni di pazienti diabetici che da tempo attendevano risposte dall’esecutivo; auspico, pertanto, che venga tradotto rapidamente in azioni concrete non più procrastinabili.”

È questo in breve il resoconto di una giornata particolare che ci ha regalato forti emozioni, ma anche una grande fiducia. Che vogliamo condividere con tutti quelli che ci hanno sostenuto senza riserve e condizioni, con quelli che hanno alimentato giorno per giorno la petizione con le loro firme e il loro entusiasmo. È il minimo che possiamo fare, mentre ci prepariamo al prossimo importante passo verso la meta.

“Segui i tuoi sogni, essi conoscono la via”
(Kobe Yamada)

 

Diabete e bambino. Cosa succede quando mangiamo? La vera storia del cibo dalla bocca agli zuccheri, grazie al lavoro di Fata Insulina.

Da Padre a padre, dico grazie all'autore per aver fatto sorridere la mia bambina. Ci ha relagato uno sprazzo di magia

Ho pianto nel vedere la mia bimba felice  di leggere di una bimba come lei
©Riproduzione riservata
Print Friendly, PDF & Email

Vuoi parlare con le migliaia di amici che hanno già sperimentato le soluzioni proposte su DeeBee.it? Vuoi fare qualche domanda su un argomento specifico per conoscere le opinioni ed i suggerimenti di chi ci è già passato? Vuoi suggerire tu qualcosa dicendo la tua?
Non devi fare altro che iscriverti nel gruppo Nightscout Italia ed otterrai risposta ad ogni tua domanda! Nel nostro gruppo affrontiamo ogni tematica inerente il diabete (non solo tecnologia ma anche leggi, sport, alimentazione, accettazione, gestione quotidiana, L104, ecc., sia per adulti che per bambini).
Enjoy!

Un breve video spiega Nightscout

Ecco un breve video che spiega Nightscout.
Cos’è e come crearsi il proprio Nightscout, gratuitamente.


Versione del video accessibile, per non vedenti.

RINGRAZIAMENTI

Ringraziamo l’autore del video, Bog Dan, che ha gentilmente tradotto il video in italiano, e l’associazione rumena Asociatia Sprijin Pentru Diabet (il gruppo Facebook dell’associazione rumena lo trovi qui).

Diabete e bambino. Cosa succede quando mangiamo? La vera storia del cibo dalla bocca agli zuccheri, grazie al lavoro di Fata Insulina.

Da Padre a padre, dico grazie all'autore per aver fatto sorridere la mia bambina. Ci ha relagato uno sprazzo di magia

Ho pianto nel vedere la mia bimba felice  di leggere di una bimba come lei
©Riproduzione riservata
Print Friendly, PDF & Email

Vuoi parlare con le migliaia di amici che hanno già sperimentato le soluzioni proposte su DeeBee.it? Vuoi fare qualche domanda su un argomento specifico per conoscere le opinioni ed i suggerimenti di chi ci è già passato? Vuoi suggerire tu qualcosa dicendo la tua?
Non devi fare altro che iscriverti nel gruppo Nightscout Italia ed otterrai risposta ad ogni tua domanda! Nel nostro gruppo affrontiamo ogni tematica inerente il diabete (non solo tecnologia ma anche leggi, sport, alimentazione, accettazione, gestione quotidiana, L104, ecc., sia per adulti che per bambini).
Enjoy!

Sondaggio: diabete e gestione del bambino

Chi gestisce il diabete del bimbo diabetico? Che tipo di gestione segue? E chi lo segue a scuola?
Scopriamolo con questo breve sondaggio.


Chi segue il diabete di tuo figlio?

Vedi i Risultati

Loading ... Loading ...

 

A che età ha esordito tuo figlio?

Vedi i Risultati

Loading ... Loading ...

 

Che terapia segue tuo figlio attualmente?

Vedi i Risultati

Loading ... Loading ...

 

Tuo figlio utilizza un sensore glicemico?

Vedi i Risultati

Loading ... Loading ...

 

A scuola, chi si occupa della gestione del diabete di tuo figlio?

Vedi i Risultati

Loading ... Loading ...

 

Ti è piaciuto questo articolo? Clicca qui per leggerne altri ancor più interessanti sulla tematica "Diabete a scuola"!
Vuoi contribuire con informazioni importanti sul mondo della scuola? Scrivici: info@deebee.it

Diabete e bambino. Cosa succede quando mangiamo? La vera storia del cibo dalla bocca agli zuccheri, grazie al lavoro di Fata Insulina.

Da Padre a padre, dico grazie all'autore per aver fatto sorridere la mia bambina. Ci ha relagato uno sprazzo di magia

Ho pianto nel vedere la mia bimba felice  di leggere di una bimba come lei
©Riproduzione riservata
Print Friendly, PDF & Email

Vuoi parlare con le migliaia di amici che hanno già sperimentato le soluzioni proposte su DeeBee.it? Vuoi fare qualche domanda su un argomento specifico per conoscere le opinioni ed i suggerimenti di chi ci è già passato? Vuoi suggerire tu qualcosa dicendo la tua?
Non devi fare altro che iscriverti nel gruppo Nightscout Italia ed otterrai risposta ad ogni tua domanda! Nel nostro gruppo affrontiamo ogni tematica inerente il diabete (non solo tecnologia ma anche leggi, sport, alimentazione, accettazione, gestione quotidiana, L104, ecc., sia per adulti che per bambini).
Enjoy!

La petizione arriva in Parlamento

Sono sette i senatori che porteranno in Parlamento la questione sollevata da 26 associazioni e community sulla parità di accesso al sensore glicemico per i pazienti affetti da diabete mellito di Tipo 1. E’ in programma un’interrogazione per sapere se “il Ministro in indirizzo non consideri urgente includere il sensore glicemico tra i dispositivi a carico del Servizio sanitario nazionale e, attraverso l’inserimento di questo dispositivo nei livelli essenziali di assistenza, garantire parità di accesso ai sistemi innovativi di autocontrollo della glicemia”. Nel testo del sindacato ispettivo, presentato il 7 aprile, si menziona la petizione indirizzata al Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, quella petizione che fino a oggi più di 16 mila persone hanno generosamente firmato nell’apposita pagina del nostro sito.

Il primo firmatario dell’interrogazione è stato il senatore dell’Italia dei Valori Maurizio Romani, vicepresidente della 12ª Commissione permanente (Igiene e sanità) e medico di professione. Gli altri senatori cofirmatari sono: Serenella Fucksia, medico del lavoro; Cristina De Pietro, avvocato; Alessandra Bencini, infermiera; Francesco Molinari, avvocato; Ivana Simeoni, infermiera; Giuseppe Vacciano, impiegato Banca d’Italia (assistente superiore). Cercheremo di avere il video e la trascrizione dell’interrogazione.

Quando il 10 marzo, insieme alle altre associazioni, abbiamo deciso di lanciare la petizione sulla parità di accesso al sensore glicemico, non potevamo prevedere che in brevissimo tempo sarebbe diventata la petizione italiana con il maggior numero di firme nell’ambito dei diritti delle persone affette da diabete. E tanto meno che entro poche settimane avrebbe richiamato l’attenzione della politica e arrivare al Senato. Ora, in attesa della risposta del Ministro, il contatore delle firme continua a macinare numeri. Ogni firma è stata un dono, ogni persona in più, un nuovo alleato. E forse questa è l’occasione migliore per ringraziare tutti, chi ha già firmato e chi firmerà, chi ha lavorato per sensibilizzare e chi ci ha sostenuti anche quando la battaglia sembrava impossibile.

“Segui i tuoi sogni, essi conoscono la via”
(Kobe Yamada)

 

Diabete e bambino. Cosa succede quando mangiamo? La vera storia del cibo dalla bocca agli zuccheri, grazie al lavoro di Fata Insulina.

Da Padre a padre, dico grazie all'autore per aver fatto sorridere la mia bambina. Ci ha relagato uno sprazzo di magia

Ho pianto nel vedere la mia bimba felice  di leggere di una bimba come lei
©Riproduzione riservata
Print Friendly, PDF & Email

Vuoi parlare con le migliaia di amici che hanno già sperimentato le soluzioni proposte su DeeBee.it? Vuoi fare qualche domanda su un argomento specifico per conoscere le opinioni ed i suggerimenti di chi ci è già passato? Vuoi suggerire tu qualcosa dicendo la tua?
Non devi fare altro che iscriverti nel gruppo Nightscout Italia ed otterrai risposta ad ogni tua domanda! Nel nostro gruppo affrontiamo ogni tematica inerente il diabete (non solo tecnologia ma anche leggi, sport, alimentazione, accettazione, gestione quotidiana, L104, ecc., sia per adulti che per bambini).
Enjoy!

Scaricare i dati di micro e sensori: ecco i software più usati

I microinfusori e i sensori glicemici sono un grande aiuto nella gestione quotidiana del diabete. I dati raccolti da questi dispositivi e condivisi con il proprio diabetologo, diventano fondamentali per la valutazione di eventuali ritocchi e cambiamenti di terapia. Questi dati possono essere raccolti e organizzati con l’aiuto di diversi software, alcuni dei quali sono specifici per l’apparecchio usato.

Diasend

Diasend è la piattaforma più conosciuta e utilizzata perché permette di scaricare i dati di svariati dispositivi (glucometri, sensori glicemici e microinfusori di diverse case produttrici). Inoltre offre la possibilità di condividerli con il proprio diabetologo.

Tra i pregi di Diasend figurano l’elaborazione dei dati, la loro successiva integrazione e la creazione di grafici e statistiche in cui vengono incrociati i dati del microinfusore con quelli di sensore e glucometro. Questo permette di avere subito una visuale completa delle eventuali fasce in cui c’è la necessità di modificare la terapia.
diasend_confronto

Con Diasend si possono avere in modo intuitivo e immediato una serie di dati riassuntivi, utili a comprendere se il paziente è ben compensato o meno: glicemia media (anche a fascia oraria), deviazione standard, glicemie minime e massime del periodo selezionato e grafici con le percentuali. Tutto suddiviso per dispositivo.

diasend_dati1

diasend_dati2Per utilizzare Diasend è necessario registrarsi e scaricare l’uploader, disponibile sia per Windows che per Mac. Successivamente si inseriscono i propri dati nell’apposita sezione codificando anche tutti i dispositivi che si intende scaricare. Sarà poi sufficiente collegarli al computer con il relativo cavo e lasciare che Diasend scarichi i dati automaticamente in modo estremamente comodo.  Recentemente Diasend ha rilasciato anche la sua app, per Android e iOS, utile per avere statistiche e medie sempre a portata di mano.

12655967_1288262041200582_1449959026_o

 Dexcom Studio

Questo software, compatibile solo con Windows, è specifico per la gestione dei dati rilevati dal CGM Dexcom. Dopo averlo installato, è possibile selezionare la lingua, i range di riferimento e gli altri personalizzabili dal menù opzioni.

dexcom_studio

Una volta scaricati i dati dal ricevitore Dexcom tramite un cavo USB, verranno generati molteplici grafici e statistiche utili all’utente e al diabetologo per individuare a colpo d’occhio l’andamento glicemico e le fasce che richiedono modifiche della terapia.

dexcom_studio_patternPannello riassuntivo: visualizza grafici, media glicemica, deviazione standard e percentuali nel range del periodo selezionato.

dexcom_studio_distribuzionePannello distribuzione: visualizza le percentuali nel range, in ipoglicemia e in iperglicemia suddivise per fasce orarie.

dexcom_studio_report
Pannello report: confronta i dati estratti relativi a due periodi selezionati (trimestre, mese o settimana) segnalando eventuali miglioramenti o peggioramenti.

FreeStyle Libre

Il software specifico per scaricare i dati del FreeStyle Libre si può reperire gratuitamente nel negozio on-line di Abbott ed è disponibile sia per Windows sia per Mac. Dopo una semplice installazione guidata, sarà sufficiente collegare il lettore al PC mediante il suo cavetto per poter visualizzare diverse pagine di grafici e statistiche.

La prima pagina che si ottiene scaricando i dati è un’istantanea della glicemia del periodo selezionato che riassume i dati più significativi: il valore medio del glucosio, il valore stimato della glicata (riferito al periodo selezionato), la percentuale di valori sopra, sotto e all’interno dell’intervallo glicemico, oltre al numero e alla durata media delle ipoglicemie in quell’intervallo di tempo. Se nel lettore sono stati inseriti manualmente i carboidrati assunti e le relative quantità di insulina somministrata, verranno elaborati i relativi dati mostrando le medie giornaliere.

libre1

Nelle successive pagine viene riportato in maniera ampia e più visibile il grafico visto in precedenza, rendendolo più facilmente analizzabile. Vengono inoltre riportate nel dettaglio le voci relative a carboidrati, insulina e singole misurazioni effettuate.

Carelink

Carelink è la piattaforma specifica per gli utenti Medtronic che permette lo scarico dati attraverso un dispositivo wireless, e ne consente la condivisione a distanza con il proprio medico. E’ utilizzabile sia con Windows (tramite Internet Explorer o Mozilla Firefox) che con Mac (tramite Safari). Oltre a interfacciarsi con i microinfusori e sensori Medtronic, è compatibile con i principali glucometri in commercio.

Dopo la registrazione e l’impostazione dei parametri personali, sarà sufficiente selezionare il dispositivo da cui si intende trasferire i dati e, tramite l’apposito dispositivo wireless (oppure direttamente collegando il glucometro Contour Next Link), avverrà il passaggio nella piattaforma on-line.

Come per gli altri software, Carelink offre grafici e statistiche selezionabili per periodo, in cui vengono riassunti anche schematicamente tutti i dati relativi a glicemie, basali e boli.

carelink1

carelink2

 

 

Diabete e bambino. Cosa succede quando mangiamo? La vera storia del cibo dalla bocca agli zuccheri, grazie al lavoro di Fata Insulina.

Da Padre a padre, dico grazie all'autore per aver fatto sorridere la mia bambina. Ci ha relagato uno sprazzo di magia

Ho pianto nel vedere la mia bimba felice  di leggere di una bimba come lei
©Riproduzione riservata
Print Friendly, PDF & Email

Vuoi parlare con le migliaia di amici che hanno già sperimentato le soluzioni proposte su DeeBee.it? Vuoi fare qualche domanda su un argomento specifico per conoscere le opinioni ed i suggerimenti di chi ci è già passato? Vuoi suggerire tu qualcosa dicendo la tua?
Non devi fare altro che iscriverti nel gruppo Nightscout Italia ed otterrai risposta ad ogni tua domanda! Nel nostro gruppo affrontiamo ogni tematica inerente il diabete (non solo tecnologia ma anche leggi, sport, alimentazione, accettazione, gestione quotidiana, L104, ecc., sia per adulti che per bambini).
Enjoy!

Nuova Petizione: parità di accesso* al sensore glicemico per i pazienti con diabete mellito di tipo 1

*parità di accesso per i pazienti con diabete tipo 1 ai quali il medico intenderebbe prescrivere il sensore ma vi siano impedimenti non di natura medica, scientifica o terapeutica

Firma anche tu la prima petizione indirizzata al Ministero della Salute del Governo italiano promossa e sottoscritta pariteticamente da associazioni, enti, gruppi e communities presenti sul territorio nazionale!
Una firma vale uno. Fai sentire la tua voce!

  • Spam free: non riceverai mai messaggi e email indesiderate, dopo aver firmato la petizione;
  • Piattaforma dedicata al diabete non accostabile ai siti generalisti (e commerciali) che gestiscono migliaia di petizioni: questa petizione si distingue dalle altre e non passa inosservata;
  • Sottoscrivibile dalle associazioni anche a petizione iniziata: se fai parte o se conosci un’associazione, ente, gruppo o community non presente nell’elenco dei promotori, digli di scriverci e lo inseriremo immediatamente!

Sensore glicemico, parità di accesso per i pazienti con diabete di tipo 1 - Firma la petizione

All\'attenzione del Sig. Ministro della Salute On.le Beatrice Lorenzin

%la tua firma%

You can add formatting using markdown syntax - read more
25,347 firme = 101% dell'obiettivo
0
25,000

Undicesimo obiettivo: 25000 firme. Fai firmare anche i tuoi amici! Condividi:

   


Al Sig. Ministro della Salute
On.le Beatrice Lorenzin
Lungotevere Ripa, 1
00153 – Roma

Al Segretariato Generale Ministero della Salute
Viale Giorgio Ribotta, 5
00144 Roma
Pec: seggen@postacert.sanita.it

Venezia, li 10 marzo 2016

OGGETTO: SENSORE GLICEMICO, PARITÀ DI ACCESSO PER I PAZIENTI CON DIABETE MELLITO DI TIPO 1

Onorevole Ministro,
mi permetto di sottoporre alla Sua attenzione un aspetto relativo alla tutela della salute delle persone affette da diabete di tipo 1 e, nella fattispecie, avente come oggetto l’eguaglianza di accesso all’utilizzo del sensore glicemico, ad oggi appannaggio di pochi fortunati.

Dato per assodato dalla comunità scientifica che:

  • L’uso della tecnica di monitoraggio in continuo della glicemia, mediante sensore glicemico, migliora il compenso del livello di zuccheri nel sangue;
  • Un migliore compenso glicemico equivale a minori complicanze nel lungo termine e minori costi per il SSN (cfr. pubblicazioni scientifiche: goo.gl/LTUABh, https://goo.gl/Mmr0RX e https://goo.gl/GWXC1X)
  • L’utilizzo del sensore e la conoscenza costante dei valori glicemici migliora la qualità della vita sia in termini fisici (un numero più limitato di misurazioni capillari) che psicologici (ansia ridotta poiché la glicemia è sotto controllo 24 ore/dì)
  • L’impiego del sensore glicemico porta ad un utilizzo minore di strisce reattive,

sono qui a renderLa edotta su alcuni aspetti che rendono iniquo l’accesso all’utilizzo del sensore glicemico:

1. Nella maggioranza dei casi, il device in oggetto non viene consigliato né prescritto al paziente

Inoltre, salvo rari casi ed isolate realtà:

2. Il sensore non viene ad oggi prescritto ai diabetici in cura con terapia multiniettiva anziché microinfusore,

3. Quand’anche il diabetico faccia uso del microinfusore, laddove il sensore viene prescritto, lo è soltanto nel caso in cui il microinfusore in abbinamento sia di una specifica casa produttrice (ad esempio, il sensore Dexcom viene prescritto in abbinamento al microinfusore Animas Vibe ma non al microinfusore Omnipod).

Non esistono motivazioni di rilevanza scientifica che giustifichino quanto sopra riportato e chiedo pertanto che le disparità in oggetto vengano azzerate a tutela di tutti i diabetici e cittadini italiani.

In attesa di un Vostro riscontro, porgo cordiali saluti.


PROMOTORI DELLA PETIZIONE (in ordine alfabetico)

A.D.M.S. – Associazione diabete mellito e celiachia Sardegna – Sede di Sassari
A.N.I.A.D. SEZIONE SARDEGNA ONLUS
Associazione diabetici alta Val di Cecina
Associazione diabetici della provincia di Padova
Associazione diabetici di Monza e Brianza
Associazione diabetici marsicana – A.D.M.
Associazione diabetici medio Verbano Cittiglio
Associazione diabetici nebroidea
Associazione friulana famiglie diabetici di Udine
Associazione Pazienti Diabetici Salvatore Cumbo
Associazione Provinciale Diabetici Matera Onlus
Associazione Volontari Diabetici Vignola
DeeBee Italia
Dexcom Italia Utenti (community online)
Diabete giovanile Sardegna (community online)
Diabete Iglesias Carbonia
Donna&Diabete (community online)
FAND – Associazione diabetici della provincia di Parma
FAND – Associazione diabetici della Riviera del Brenta
FAND – Associazione italiana diabetici Sassari
FAND – Associazione saronnese diabetici
Il diabete ci ha reso amici … teniamoci per mano! (community online)
Nightscout Italia – La TECNOLOGIA al servizio del diabete (community online)
Noi diabetici cuciniamo sano: consigli e ricette per tutti (community online)
OmniPoddiani Italiani (community online)
Paradigm veo & 640G Italy users (community online)
Se uniti – famiglie comprese – possiamo vincere il diabete
Sei diabetico se… (community online)
Solidarietà e Salute Associazione di Volontariato
TIDUIR – Tutti i diabetici uniti in rete (community online)

Ultime sottoscrizioni
25,347 Sig.ra Yvonne t.
25,346 Sig.ra Uava S.
25,345 Sig.ra Maria Dolores M.
25,344 Sig Manuel Z.
25,343 Sig Giovanni Fabio B.
25,342 Sig Giacomo R.
25,341 Sig Belloni A.
25,340 Sig.ra Carmen Simona P.
25,339 Sig.ina Laura P.
25,338 Sig Angelo G. torpè
25,337 Sig piero s.
25,336 Sig.ina Olivia M. Il sensore è un salvavita ed un preciso diritto per tutti i diabetici
25,335 Sig.ra Virginia C. Ho bimbo di 2 anni che tutti i giorni ha ipoglicemie o iperglicemie e vorremo di qualcosa adatto a lui.
25,334 Sig Vito Mario M.
25,333 Sig.ra Simonetta G.
25,332 Sig Alessandro F. diabete tipo 1 da 25 anni , lo uso da 3 mesi partendo da una glicata di 11,8 in continua crescita nell'ultimo anno , con questo sensore sto riuscendo ad abbassarla sono già a 9,7 in tre mesi , anche perché spesso non sento le ipoglicemie
25,331 Sig Daniele A. compiuti 18 anni potrei non avere più i sensori necessari
25,330 Sig Geoffrey C.
25,329 Sig.ra giovanna c.
25,328 Sig.ina sabrina m.
25,327 Sig RODOLFO C. SENSORI PER TUTTI !!!
25,326 Sig Giuseppino S.
25,325 Sig.ra Rossella F.
25,324 Sig.ina simona s.
25,323 Sig David L. The apps provide instant history which helps me with the management of my diabetes. The reader is good but only provides snapshots and a vague trendline until its downloaded which is impractical to do on a daily basis.
25,322 Sig.ina Milena V.
25,321 Sig Felice A.
25,320 Sig Alessandro C. Aiutateci a migliorare la nostra qualità della vita!!
25,319 Sig.ra Emanuela R.
25,318 Sig.ina carla p.
25,317 Sig.ra Serena C. La salute deve essere un bene tutelato dalla società
25,316 Sig tonino c.
25,315 Sig.ra Chiara D. Diabetica da 30 anni e il sensore mi protegge ogni giorno mantenendo una qualità di vita normale... Il salvavita di molti e che tutti dovrebbero avere.
25,314 Sig Harald B. Ottimo per capire i difetti nel mangiare durante giorno e notte, unico
25,313 Sig.ina IRINA G.
25,312 Sig Enrico D.
25,311 Sig.ra Floriana P.
25,310 Sig Fabrizio R. Assurdo non poter avere un sensore alcune regioni autorizzano e la Puglia ?
25,309 Sig filippo m.
25,308 Sig Gavino Gabriele Guido M.
25,307 Sig Guido N.
25,306 Sig Francesco V.
25,305 Sig Angelantonio G.
25,304 Sig.ina Jeff W. Glucose sensor equal access
25,303 Sig.ina Elena Cecilia P. VICENZA
25,302 Sig Francesco P.
25,301 Sig.ina julie s. Please
25,300 Sig Rosario S.
25,299 Sig.ina Mariangela F. Dannati politici! dovrebbero provare il male e i disagi che un diabetico patisce, ogni giorno senza mai poter abbassare la guardia.
25,298 Sig.ra Michelina R. Sì per il sensore glicemico

Diabete e bambino. Cosa succede quando mangiamo? La vera storia del cibo dalla bocca agli zuccheri, grazie al lavoro di Fata Insulina.

Da Padre a padre, dico grazie all'autore per aver fatto sorridere la mia bambina. Ci ha relagato uno sprazzo di magia

Ho pianto nel vedere la mia bimba felice  di leggere di una bimba come lei
©Riproduzione riservata
Print Friendly, PDF & Email

Vuoi parlare con le migliaia di amici che hanno già sperimentato le soluzioni proposte su DeeBee.it? Vuoi fare qualche domanda su un argomento specifico per conoscere le opinioni ed i suggerimenti di chi ci è già passato? Vuoi suggerire tu qualcosa dicendo la tua?
Non devi fare altro che iscriverti nel gruppo Nightscout Italia ed otterrai risposta ad ogni tua domanda! Nel nostro gruppo affrontiamo ogni tematica inerente il diabete (non solo tecnologia ma anche leggi, sport, alimentazione, accettazione, gestione quotidiana, L104, ecc., sia per adulti che per bambini).
Enjoy!

Nightscout con Dexcom, Medtronic e Libre: facciamo chiarezza

In molti ci chiedono come fare per visualizzare le glicemie in remoto (ossia “da lontano”) tramite Nightscout e cosa serve per poterlo realizzare. Utilizzando diversi sensori e dispositivi, anche le risposte sono molteplici. Di seguito per ognuno indicheremo cosa serve e come poter attivare la propria pagina Nightscout.

12510531_1271328719560581_1959641892_o

1. Dexcom G4 con ricevitore
2. Dexcom G4 senza ricevitore (con xDrip)
3. FreeStyle Libre
4. Medtronic Veo
5. Medtronic 640G
6. Gli smartwatch

Dexcom G4 con ricevitore

Per inviare le glicemie a distanza è necessario collegare il ricevitore Dexcom G4 ad uno smartphone  Android con supporto OTG tramite il relativo cavo.
12476434_1270441776315942_9471264_n

Quando avrai a disposizione sia il cavo che lo smartphone dovrai configurare la tua pagina Nightscout. La guida, semplicissima e da seguire passo passo, è depositata nel gruppo ufficiale Facebook Nightscout Italia. Potrai poi visualizzare le glicemie da qualsiasi smartphone (Android e iOS),  pc, tablet e smartwatch.

xDrip – Dexcom G4 senza ricevitore

Se non possiedi il ricevitore Dexcom, in quanto le glicemie vengono lette direttamente dal microinfusore, puoi optare per l’xDrip. E’ una soluzione gratuita fai-da-te, progettata da Stephen Black, che consente la lettura delle glicemie dal sensore ed il successivo invio, tramite l’applicazione dedicata xDrip, ad uno smartphone Android.

xDrip in un Tic Tac

Chiunque può dunque scaricare la guida e fabbricarne uno scegliendo poi fra le diverse soluzioni di assemblaggio (xMelrosexItaly o contenendolo nella classica confezione di Tic Tac).
Dopo aver costruito il proprio ricevitore fai-da-te, per inviare le glicemie in remoto, è necessario configurare la pagina Nightscout seguendo l’apposita guida. Alla fine della configurazione si otterrà l’indirizzo web da inserire nell’app xDrip.  Anche in questo caso sarà poi possibile visualizzare le glicemie da qualsiasi smartphone (Android e iOS),  pc, tablet e smartwatch.

FreeStyle Libre

Hai a disposizione il sensore FreeStyle Libre e vuoi vedere le glicemie a distanza da qualsiasi dispositivo? Quel che ti serve è uno smartphone Android dotato di lettore NFC (qui ne trovi alcuni) in cui installare l’applicazione Glimp.

12482995_1271327786227341_128001738_o

Effettuando la lettura del sensore con lo smartphone in cui hai installato l’app, avrai la possibilità di inviare le glicemie alla tua pagina Nightscout (anche in questo caso da configurare). Trovi la guida depositata nella sezione files del gruppo Facebook italiano ufficiale. Una volta completato il tutto, ad ogni scansione tramite smartphone, la pagina verrà aggiornata. Anche in questo caso potrai visualizzare le glicemie da qualsiasi altro smartphone accedendo alla tua pagina web tramite il browser (Android e iOS) oppure da pc, tablet e smartwatch.

Medtronic Veo

Anche per gli utilizzatori di microinfusori Medtronic Veo, collegato a sensore Enlite, è possibile inviare le glicemie a distanza tramite Nightscout.

mmcomander guscio

Per attivarlo è necessario costruire un dispositivo fai-da-te chiamato MMCommander. Ti servirà anche uno smartphone Android con supporto OTG e il relativo cavo.  Questo sistema non è compatibile con tutti i tipi di microinfusori Medtronic; troverai quelli adatti nella guida passo passo depositata nel gruppo Facebook.
Come per i precedenti dispositivi, dopo aver effettuato la configurazione della pagina Nightscout, potrai visualizzare le glicemie in remoto da qualsiasi smartphone  (Android e iOS) pc, tablet e smartwatch.

Medtronic 640G

Per il microinfusore Minimed 640G, la configurazione di Nightscout si è resa più facile. A differenza della versione precedente infatti, non è necessaria la costruzione di alcun dispositivo.

13221474_1011858572225416_87486068998791276_n

Ciò che serve è semplicemente uno smartphone Android con supporto OTG, il relativo cavo e un glucometro ContourNext Link 2.4 USB. Trovi la guida passo passo nel gruppo Facebook Nightscout ufficiale italiano, di DeeBee.it.

Impostazioni smartwatch

In questo caso le configurazioni possono variare secondo il sistema operativo e dello smartwatch a tua disposizione .

  • puoi collegare la tua pagina Nightscout ad un Pebble tramite la sua applicazione, disponibile sia per Android che per iOS

pebble

  • per collegare la tua pagina Nightscout ad uno smartwatch Android dovrai installare due applicazioni:  Android Wear – che ti permetterà di connettere lo smartwatch al tuo telefono tramite una seconda applicazione, Nightwatch. In quest’ultima devi inserire l’indirizzo della tua pagina Nightscout e poi selezionare il relativo quadrante (o watchface, in inglese) nell’orologio.

androidlg

  • se invece possiedi un Apple Watch ti basterà installare myBG, inserire la tua pagina Nightscout e selezionare il quadrante relativo.

apple

Diabete e bambino. Cosa succede quando mangiamo? La vera storia del cibo dalla bocca agli zuccheri, grazie al lavoro di Fata Insulina.

Da Padre a padre, dico grazie all'autore per aver fatto sorridere la mia bambina. Ci ha relagato uno sprazzo di magia

Ho pianto nel vedere la mia bimba felice  di leggere di una bimba come lei
©Riproduzione riservata
Print Friendly, PDF & Email

Vuoi parlare con le migliaia di amici che hanno già sperimentato le soluzioni proposte su DeeBee.it? Vuoi fare qualche domanda su un argomento specifico per conoscere le opinioni ed i suggerimenti di chi ci è già passato? Vuoi suggerire tu qualcosa dicendo la tua?
Non devi fare altro che iscriverti nel gruppo Nightscout Italia ed otterrai risposta ad ogni tua domanda! Nel nostro gruppo affrontiamo ogni tematica inerente il diabete (non solo tecnologia ma anche leggi, sport, alimentazione, accettazione, gestione quotidiana, L104, ecc., sia per adulti che per bambini).
Enjoy!

Medtronic MiniMed Connect: la prima recensione

Si chiama MiniMed Connect il sistema ufficiale di Medtronic per il monitoraggio a distanza delle glicemie rilevate dal sensore Enlite. Grazie ad un piccolo uploader, i dati letti dal microinfusore vengono inviati ogni cinque minuti tramite bluetooth all’applicazione installata sullo smartphone. MiniMed Connect funziona con il microinfusore MiniMed 530g o un MiniMed paradigm Revel ed è già in vendita negli Stati Uniti al costo di 99$, a breve dovrebbe essere disponibile anche in altri paesi.

minimed-connect

Nel giugno del 2015 la Medtronic annunciava l’approvazione di questo sistema da parte della Food and Drug Amministration. Qualche mese dopo, nel dicembre dello stesso anno, nel sito Healthline è stata pubblicata la prima recensione firmata dal giornalista statunitense Mike Hoskins.  

Grazie a Medtronic, il trentaseienne affetto da diabete 1 dall’età di cinque anni, ha testato il nuovo sistema MiniMed Connect confrontandolo anche con il Dexcom Share.

Pro di Mike Hoskins:

  • Design: esteticamente molto gradevole, schermo nero con sfondo bianco o colorato, caratteri facili da leggere. Il valore CGM cambia colore in base alla glicemia (arancione per alta, rosso per la bassa, e blu/verde se nel range).
  • L’insulina attiva: l’indicazione della IOB (insulina a bordo) è un enorme vantaggio. Il valore è indicato appena sotto il valore CGM.
  • Scorrimento Touchscreen: si può toccare il grafico del trend in qualsiasi punto per vedere il valore glicemico. E’ possibile scorrere indietro la storia dei dati del CGM come nello schermo del micro, vedere l’attuale tendenza, impostare la visuale a 3/6/12 oppure 24 ore.
  • Avvisi di testo: è possibile impostare  messaggi di testo da inviare ai propri cari e agli operatori sanitari in caso di iper o ipo.
  • Setup: molto semplice e diretto.
  • Ancora più dati:  premendo l’icona nell’angolo in alto a sinistra, si ottengono dati aggiuntivi direttamente dal micro, come la durata della batteria dell’uploader, la vita del sensore e la quantità di insulina rimanente nel serbatoio.
  • Promemoria calibrazione: in alto a destra della schermata dell’applicazione, è possibile impostare un promemoria per ricordare la calibrazione del CGM. Un cerchio si riempie a poco a poco man mano che si avvicina il momento impostato.
  • Durata della batteria: il piccolo dispositivo uploader va caricato per una/due ore al giorno e la connessione non si arresta durante la carica.  Sembra inoltre che non consumi molto la batteria, né del dispositivo mobile né del microinfusore stesso.

app_med

Contro di Mike Hoskins:

  • Uploader: è leggero e non eccessivamente oneroso da portare in giro. E’ stato concepito per essere agganciato ad un portachiavi o addirittura al passante della cintura (collegandolo con una clip), ma questo potrebbe essere scomodo per molti (specialmente quelli che non portano con sé chiavi).  Medtronic afferma che sta lavorando su un guscio per permettere di trasportare insieme uploader e micro.
  • Solo iPhone e iPod Touch: Secondo quanto dichiarato da Medtronic sarebbe in arrivo una versione per Android, ma fino ad allora tutto ciò che possiamo fare è aspettare.
  • Non completa nella condivisione dei dati: l’applicazione non consente un facile accesso da remoto in quanto è necessario eseguire il login su CareLink. Sarebbe più semplice se l’applicazione Connect potesse essere scaricata e visualizzata facilmente da un genitore, coniuge, infermiera della scuola, o il medico, senza necessità quindi di login per accedere ai dati.
  • Segnale debole: I regolari avvisi di disconnessione dell’app Connect sono dovuti soprattutto alla “debolezza” del sistema Enlite. La maggior parte del tempo tali avvisi si verificano anche se l’uploader ed iPod erano uno accanto all’altro e veniva indossato sia il microinfusore che il sensore.
  • Dati sensore Enlite: Basandomi sull’esperienza di tre sensori posizionati su punti diversi dell corpo, il CGM Enlite è risultato molto impreciso per gran parte del tempo, con frequenti perdite di segnale. Questo naturalmente è un difetto fondamentale che limita il potenziale di MiniMed Connect, sistema che si basa proprio su quei dati.
    Per la recensione è stato utilizzato il Medtronic 530G.

app_med_smart

 

 

Diabete e bambino. Cosa succede quando mangiamo? La vera storia del cibo dalla bocca agli zuccheri, grazie al lavoro di Fata Insulina.

Da Padre a padre, dico grazie all'autore per aver fatto sorridere la mia bambina. Ci ha relagato uno sprazzo di magia

Ho pianto nel vedere la mia bimba felice  di leggere di una bimba come lei
©Riproduzione riservata
Print Friendly, PDF & Email

Vuoi parlare con le migliaia di amici che hanno già sperimentato le soluzioni proposte su DeeBee.it? Vuoi fare qualche domanda su un argomento specifico per conoscere le opinioni ed i suggerimenti di chi ci è già passato? Vuoi suggerire tu qualcosa dicendo la tua?
Non devi fare altro che iscriverti nel gruppo Nightscout Italia ed otterrai risposta ad ogni tua domanda! Nel nostro gruppo affrontiamo ogni tematica inerente il diabete (non solo tecnologia ma anche leggi, sport, alimentazione, accettazione, gestione quotidiana, L104, ecc., sia per adulti che per bambini).
Enjoy!