Applicazione del cerotto: allergie – FreeStyle Libre

Per alcuni utilizzatori del FreeStyle Libre, il collante del cerotto è sinonimo di dermatite da contatto. Per ovviare a questo fastidioso problema, DeeBee Italia vi presenta il seguente videotutorial.

Ecco la soluzione adottata da un nostro lettore e membro del gruppo ufficiale Facebook, che ha condiviso con noi la sua tecnica in cui sostituisce il cerotto del sensore con del nastro biadesivo, prima di applicarlo sul Compeed.

Tutti i video ripotati su DeeBee.it non sostituiscono in alcun modo le indicazioni del proprio medico. Prima di qualsiasi modifica ad un dispositivo medico, chiedete l’autorizzazione al vostro medico diabetologo. DeeBee Italia non è responsabile in alcun modo degli effetti derivanti dalla modifica riportata  e ne scoraggia l’attuazione.

Diabete e bambino. Cosa succede quando mangiamo? La vera storia del cibo dalla bocca agli zuccheri, grazie al lavoro di Fata Insulina.

Da Padre a padre, dico grazie all'autore per aver fatto sorridere la mia bambina. Ci ha relagato uno sprazzo di magia

Ho pianto nel vedere la mia bimba felice  di leggere di una bimba come lei
©Riproduzione riservata
Print Friendly, PDF & Email

Vuoi parlare con le migliaia di amici che hanno già sperimentato le soluzioni proposte su DeeBee.it? Vuoi fare qualche domanda su un argomento specifico per conoscere le opinioni ed i suggerimenti di chi ci è già passato? Vuoi suggerire tu qualcosa dicendo la tua?
Non devi fare altro che iscriverti nel gruppo Nightscout Italia ed otterrai risposta ad ogni tua domanda! Nel nostro gruppo affrontiamo ogni tematica inerente il diabete (non solo tecnologia ma anche leggi, sport, alimentazione, accettazione, gestione quotidiana, L104, ecc., sia per adulti che per bambini).
Enjoy!

I rimedi alle allergie del sensore Dexcom

In alcuni casi, il fissaggio del sensore o del cerotto del microinfusore può essere un serio problema. Di seguito riportiamo le testimonianze di alcuni utilizzatori.

Testimonianza di mamma Chiara

Mamma Chiara Moretti ha risolto brillantemente il problema inerente la forte allergia della figlia nei confronti del collante del cerotto.
Ecco la sua testimonianza in prima persona.

“Mia figlia, dopo qualche mese di utilizzo, ha presentato allergia dapprima al cerotto dexcom, poi a quello del micro. Prima di trovare la soluzione è trascorso un anno di calvario per me…. non potevo più vederla così rovinata, ma al tempo stesso non potevo lasciarla senza sensore. Grazie ai consigli di una mamma americana che aveva avuto lo stesso problema con suo figlio, posso proprio dire di avere risolto e non mi sembra ancora vero!!!!!”

PROCEDIMENTO

Questo è uno spray nasale, serve a chi soffre di allergie. Contiene del cortisone, ma essendo spray io non ho riscontrato alcun problema sulla glicemia e comunque basta una spruzzatina e bisogna fare asciugare all’aria.”

spray_grande

“Quando lo spray si è asciugato, va applicato questo cerotto. Purtroppo non si trova in Italia io li prendo o su Amazon o su Ebay e mi sono sempre arrivati dall’America. La misura giusta è proprio questa scritta in basso. Sono tipo i “Compeed” che troviamo in farmacia, ma io non ho provato magari funzionano anche quelli!”

foto_cerotto

“Bisogna tagliare con le forbicine il cerotto in modo da formare un cerchio (dove attaccherai poi il cerotto del dexcom) in questo modo”

compeed_grande

“Si prende il sensore e si taglia il cerotto dexcom fino a farlo diventare rettangolare”

dexom_grande

“Poi prima di staccare le alette al cerotto dexcom bisogna prendere una salvietta “speciale”. Non si trovano in Italia (come siamo fortunati è?!)..sempre o amazon o ebay… non tutti i venditori che si trovano spediscono in Italia quindi bisogna avere un po di pazienza e trovare quello giusto. 

Una volta tolte le alette al cerotto dexcom aprire una salvietta…questa ha il potere di togliere la colla “cattiva” dal cerotto dexcom per metterne una “buona”, anallergica, semplicemente strofinandola sul cerotto. Questa è la cosa che fa più la differenza!”

salviette_grande

“Applicare il cerotto facendo coincidere il foro del dexcom al foro del cerotto già applicato sulla pelle. Spingere col dito i contorni in modo da fare aderire bene. Assicuro che tiene! Noi abitiamo al mare per cui questa estate con i bagni, la piscina, la doccia… Basta fissare il primo cerotto con uno di ancoraggio (assolutamente NO fixomul per chi  ha allergia alla colla, irrita da pazzi!!!) Io uso quello di carta della 3m. Poi metto sopra una fascia elastica in lycra”.

Il confronto del “prima” e del “dopo” è strabiliante.
A voi il giudizio finale.

braccio_2
 senza allergia

Testimonianza di mamma Patrizia

Anche mamma Patrizia Marinelli ha risolto il problema dell’allergia verso il collante del Dexcom della sua bimba.

Ecco cosa ci dice: Io per la mia piccolina uso Suprasorb H Hydrokolloid da applicare sotto al sensore Dexcom e micro perché gli fa allergia. A me funziona, costano 30 euro e ce ne sono 10. Misura 10 x 10 cm. Per il sensore Dexcom taglio il cerotto a metà, praticando un foro all’altezza dell’ago inseritore, per il microinfusore invece basta un quarto di cerotto.”

13046272_1354637644563021_1641167465_n

Testimonianza di Alessio Capobianco

Per prima cosa vi servirà un cerotto chiamato Med’s Protective Film.

Adotto questa soluzione ormai da qualche mese e riesco a tenere il sensore senza arrossamenti né prurito o infiammazioni per 2 settimane, praticando sport 3 volte a settimana e facendo la doccia quasi tutti i giorni.

Disinfettate il sito e applicate questo cerotto che, ricordiamolo, si compra in qualsiasi  farmacia.

Ritagliate leggermente le due terminazioni del cerotto del sensore, per evitare che aderisca con la pelle, poi applicatelo come di consueto, ma sopra il cerotto Med’s.

Ora, non vi basterà altro che spingere il pistone, inserire la chiocciola
e avviarla. Per maggiore sicurezza e aderenza c’è un altro passaggio che potrete effettuare e che consiste nell’applicare un ulteriore
cerotto, per evitare che il sensore si stacchi, come spiegato qui.

Ed ecco il sorprendente risultato, dopo 2 settimane di utilizzo del sensore.

Dopo la rimozione dei cerotti, per idratare il sito utilizzo la pomata Gentalyn Beta.

Grazie a tutti per l’attenzione e spero che questa guida possa esservi stata d’aiuto!

Diabete e bambino. Cosa succede quando mangiamo? La vera storia del cibo dalla bocca agli zuccheri, grazie al lavoro di Fata Insulina.

Da Padre a padre, dico grazie all'autore per aver fatto sorridere la mia bambina. Ci ha relagato uno sprazzo di magia

Ho pianto nel vedere la mia bimba felice  di leggere di una bimba come lei
©Riproduzione riservata
Print Friendly, PDF & Email

Vuoi parlare con le migliaia di amici che hanno già sperimentato le soluzioni proposte su DeeBee.it? Vuoi fare qualche domanda su un argomento specifico per conoscere le opinioni ed i suggerimenti di chi ci è già passato? Vuoi suggerire tu qualcosa dicendo la tua?
Non devi fare altro che iscriverti nel gruppo Nightscout Italia ed otterrai risposta ad ogni tua domanda! Nel nostro gruppo affrontiamo ogni tematica inerente il diabete (non solo tecnologia ma anche leggi, sport, alimentazione, accettazione, gestione quotidiana, L104, ecc., sia per adulti che per bambini).
Enjoy!

Animas Vibe: come limitare le bolle

Svariate volte mi hanno chiesto lumi sul metodo che adotto per limitare le bolle presenti nelle cartucce d’insulina; ho quindi deciso di scrivere qui i passi che compio io per eliminare quanta più aria possibile dalle siringhe, sempre tenendo presente che questi non sono stati indicati in alcun modo da medici, ma dall’esperienza quotidiana di tante persone, dalle quali ho preso spunto nel tempo.

Qualcuno mi ha detto che tenendo l’insulina per troppi giorni a contatto con la plastica,  questa si deteriora (io non ho mai notato nulla di problematico in tal senso). Ma i più invece non hanno sollevato questo effetto collaterale. Tant’è che, ponendo il quesito alla diabetologa che segue mia figlia Melissa, questa non ha sollevato problematiche, se non quella di preparare le cartucce non più di 3-4 per volta.

Passi e dosi che indicherò sono tarate su mia figlia di 20 mesi.
Un’accortezza essenziale, oltre a quella di usare insulina a temperatura ambiente: in tutto il procedimento la siringa va tenuta sempre in verticale con l’apertura verso l’alto.

1) Prendere 3 o 4 set e prepararli per essere… riempiti

animas1

2) Riepirli uno ad uno con queste accortezze…

– non aspirare con il “manico blu” presente nella confezione, bensì spingere dall’alto con una penna  biro

animas2

– riempire la siringa con 2 ml di insulina
– battere con l’unghia (o con la penna biro) in modo deciso e ripetutamente facendo sì che che le bolle vadano verso l’alto
– svuotare completamente la siringa: in questo modo le bolle finiranno tutte dentro la cartuccia, in cima… e non ce ne preoccuperemo più!
– ripremere di nuovo la penna dall’alto verso il basso sino a riempire 2ml d’insulina
– picchiettare di nuovo energicamente la siringa e spingere il pistoncino con il “manico blu”, sino ad ottenere una siringa riempita con 0,95 ml (dose per una bimba di 20 mesi)

animas3

– sfilare l’ago, rimuovere l’ago dalla cartuccia
– tappare la cartuccia col tappino e appoggiare su un piano, in verticale, la siringa

3) Dopo aver riempito 3 o 4 cartucce con i suddetti passi, riporle sempre in verticale in un astuccio (io uso il #papàncreas Container) in modo tale da farle “decantare”: così facendo, le microbolle che ancora sono presenti nella soluzione piano piano saliranno verso l’alto. Ve ne accorgerete quando sarà ora di stappare la siringa, poiché in cima sarà presente una depressione, che è proprio il frutto dell’unione delle microbolle

portaserbatoiPapàncreas Container

4) Fare decantare (a temperatura ambiente in inverno o in frigo d’estate) la prima cartuccia almeno 1 giorno (le altre di conseguenza decanteranno 4gg, 7gg, …).

Al momento di effettuare il cambio-set (ogni 2 o 3gg a seconda della prescrizione medica -noi lo facciamo ogni 3gg-):
1) Prendere una cartuccia di quelle preparate nei punti sopra assicurandosi di mantenerla in verticale, sempre con il “beccuccio” verso l’alto e dare due colpetti con l’unghia
3)Sostituire la vecchia siringa del micro con la nuova (effettuando i classici passi del micro: riavvolgi, ecc…), il tutto tenendo il micro e cartuccia in verticale
4) Effettuare il riempi-set (primi 3 step…)

Ok. Ora potete sostituire il cerotto con il nuovo.
Un ulteriore accorgimento è quello di tenere il micro, nell’uso quotidiano, in verticale con il catetere che punta verso il basso: in tal modo le eventuali microbolle ancora presenti si addenseranno nella parte posteriore della cartuccia e non entreranno nel catetere.

Diabete e bambino. Cosa succede quando mangiamo? La vera storia del cibo dalla bocca agli zuccheri, grazie al lavoro di Fata Insulina.

Da Padre a padre, dico grazie all'autore per aver fatto sorridere la mia bambina. Ci ha relagato uno sprazzo di magia

Ho pianto nel vedere la mia bimba felice  di leggere di una bimba come lei
©Riproduzione riservata
Print Friendly, PDF & Email

Vuoi parlare con le migliaia di amici che hanno già sperimentato le soluzioni proposte su DeeBee.it? Vuoi fare qualche domanda su un argomento specifico per conoscere le opinioni ed i suggerimenti di chi ci è già passato? Vuoi suggerire tu qualcosa dicendo la tua?
Non devi fare altro che iscriverti nel gruppo Nightscout Italia ed otterrai risposta ad ogni tua domanda! Nel nostro gruppo affrontiamo ogni tematica inerente il diabete (non solo tecnologia ma anche leggi, sport, alimentazione, accettazione, gestione quotidiana, L104, ecc., sia per adulti che per bambini).
Enjoy!